Crema, messa e fiaccolata per Sabrina

Una messa questa sera a Ripalta Arpina e una fiaccolata a Vergonzana per ricordare Sabrina Beccalli. Leggi cliccando qui

Chieve, strada ancora chiusa

Resta chiusa la strada che da Chieve va a Capergnanica, per lavori di assestamento e di creazione di una ciclabile. Leggi cliccando qui

Crema, i candidati del M5s

Matteo Della Noce per il Senato e Manuel Draghetti per la Camera sono i due cremaschi in corsa per il prossimo Parlamento. Leggi le liste cliccando qui

Volley, Enercom Fimi, in palestra

Si comincia lunedì la preparazione per il campionato di B1 delle giocatrici della Enercom Fimi. Leggi chi è convocato cliccando qui

Crema, carta europea della disabilità

Il leghista Andrea Bergamaschini propone l'adozione della Carta europea dei disabili. Leggi in che cosa consiste cliccando qui

Crema, la Bonaldi accetta

Accett la candidatura ma non è soddisfatta e lo scrive in un lungo post sulla sua pagina fb. Leggi l'articolo cliccando qui

Calcio, Trofeo Micheli, prevendita

Partita la prevendita dei biglietti per il trofeo Micheli, che vedrà di fronte Pergolettese e Crema. Leggi dove acquistare i biglietti cliccando qui

Crema, premi alla poetessa

La poetessa Valeria Groppelli vince due premi in terra toscana. Leggi in quali concorsi ha primeggiato cliccando qui

Coronavirus, i dati del 18 agosto

Aumentano il tasso di contagio e anche il numero delle vittime in Italia, mentre in Lombardia tasso in diminuzione e in provincia meno nuovi positivi. Leggi cliccando qui

Pandino, istruttore cercasi

L'Asm di Pandino cerca un istruttore di palestra per Blu Pandino. Leggi le specifiche cliccando qui

Cremasco, appuntamenti da martedì a venerdì

I michì da San Roc, l'ultima giornata di tortelli a Crema e la prima a Offanengo e altri appuntamenti. Leggi cliccando qui

La storia, il nuovo comune (XXXV)

Siamo nel 1524, quando viene decisa la costruzione del nuovo comune; quattro anni prima era stata inaugurata piazza castello, oggi piazza Garibaldi. Leggi la storia cliccando qui

Crema, Dora cerca una stanza

Dora sta facendo curare a sua cagnolina Maya e ha bisogno di una stanza per dieci giorni. Leggi la storia cliccando qui

Dalla battaglia di Agnadello a quella di Ombriano

Crema News - Luigi XII a Crema (XXXIII)

Crema, 31 luglio 2022

(Luigi Dossena) Crema si arrende ai francesi, vincitori ad Agnadello, senza combattere. A convincerli alla resa è Socino Benzoni, che ricorda il massacro dell'assalto del Barbarossa. E' il 23 maggio 1509 e poco dopo, il 27 giugno, arriva in città, accolto con tutti gli onori, Luigi XII re di Francia, che resta due giorni a palazzo Benzoni. Durante il suo soggiorno, accompagnato da Socino Benzoni e Alessandro Benvenuti, visita la città e il ghetto ebraico, dove apprezza i libri stampati. Vorrebbe in regalo una preziosa edizione della Commedia di Dante, datata 1478, ma i cremaschi riescono a non consegnargliela, scambiandola con un boccale d'oro tempestato di gemme, un vassoio d'oro e argento e altri libri meno preziosi. Il re nomina governatore di Crema Bernard Ricaud che a sua volta fa eleggere un consiglio con 40 guelfi e 20 ghibellini. Ricaud resta solo fino al 4 settembre, quando viene sostituito da Jean Duras che fa togliere dalla città tutte le insegne e le sculture veneziane. C'è anche spazio per una vendetta del popolo. Qualcuno la notte del 23 aprile 1510 penetra in comune e dà fuoco ai libri pubblici, dove sono scritti i debiti pendenti, che diventano così inesigibili. L'anno successivo Socino Benzoni viene catturato dagli uomini della Serenissima e portato prigioniero a Padova, dove è impiccato sulla pubblica piazza per tradimento, condanna emessa da Andrea Gritti, sconfitto ad Agnadello, ma in seguito doge della Serenissima. C'è spazio anche per una curiosità. Un altro grande meteorite cade dal cielo a Bagnolo e uno sciame di piccoli meteoriti colpiscono Moscazzano, Montodine, Casaletto Ceredano e Abbadia Cerreto. Il meteorite è cosi grande che per trasportarlo deve essere messo su un carro. Sarà portato a Milano e poi a Parigi, al cospetto re. Il meteorite sarà fuso e col metallo saranno ricavate spade e coltelli praticamente indistruttibili.

Il 4 ottobre 1511 l'irrequieto papa Giulio II, insofferente del potere del re di Francia, fonda la Lega Santa, alleandosi con la Serenissima. Prima mossa a Crema del console Duras è quella di buttare fuori città tutti gli uomini da 15 a 60 anni. Ma l'assedio al borgo è imminente. Il 9 agosto 1512 Renzo Orsini dell'Anguillara, detto da Ceri, capitano della fanteria veneziana, arriva sotto le mura di Crema, trova gli espulsi che ingaggia per la ormai prossima battaglia, ingrossando a dismisura il numero dei suoi soldati. Comincia la battaglia di Ombriano che avrà un epilogo inatteso. Il comandante della guarnigione francese si accorda con Renzo da Ceri e, per denaro, tradisce e apre le porte della città. E' il 9 settembre 1512, quando Crema torna sotto la Serenissima, anche se la battaglia sarà ancora lunga e terminerà solo il 6 agosto 1514.

Un'ultima curiosità. In quel periodo imperversava Lucrezia Borgia, figlia del Papa Alessandro VI, nota come avvelenatrice dei suoi nemici. Ebbene, il confessore di Lucrezia era il cremasco frate Giovanni Antonio Meli, insegnante alla Sorbona di Parigi con una cattedra sulla pubblica provvigione e contro l'usura.

Ma questa è un'altra storia, la prossima.



La belle ferronnière di Leonardo da Vinci

Nei disegni, Renzo da Ceri

Papa Giulio II

Bernard Ricaud, primo console francese di Crema

Socino Benzoni

Alessandro Benvenuti

Luigi XII re di Francia

Lucrezia Borgia (1480/1519, ritratta nel 1515 da Bartolomeo Veneto; quadro nel museo di Ferrara)


(XXXI)

(Luigi Dossena) La battaglia di Agnadello, 14 maggio 1509, cambia le sorti di Crema e di gran parte del territorio, anche se non per molto. Le sorti della battaglia arridono al re di Francia Luigi XII, capo della lega di Cambrai, che vede con lui anche papa Giulio II. Il re è sceso in armi fino ai confini di Crema. L'esercito francese si scontra con quello della Serenissima. Alla testa dei francesi c'è il cremasco Gian Giacomo Trivulzio, entrato nelle grazie del re per avergli portato prigioniero Lodovico il Moro, a capo del ducato di Milano, famoso anche per la sua amante diciassettenne, Cecilia Gallerani, nata a Crema che resterà nella storia perché immortalata da Leonardo da Vinci. E' l'imperitura Dama con l'ermellino. Trivulzio riceve l'incarico il 26 marzo 1509. Intanto nel cremasco si mettono sentinelle su tutte le torri. Gian Giacomo Trivulzio è marito di Margherita Colleoni, parente di Bartolomeo Colleoni, il famoso condottiero con castello a Martinengo, ma anche con un palazzo in Crema dove fino a poco tempo fa c'era la sede della Provincia, in via Matteotti.

La battaglia, dunque. Le sorti della vicenda sono seguite da bordo campo (!) dai cronisti dell'epoca che attribuisco ai due eserciti da 20 a 50mila uomini ciascuno. In testa ai veneziani c'era il 67enne conte Nicolò Orsini con accanto Andrea Gritti, provveditore generale e futuro doge di Venezia. Tra le fila dei francesi c'è anche il famosissimo monsieur Jacques de La Palice, che morirà a Pavia nel 1525. Gian Giacomo Trivulzio prima della battaglia compie un sopralluogo dall'Adda al Tormo e schiera l'esercito a Vailate in modo da impedire i rifornimento agli avversari. La battaglia finale si gioca nei territori di Vailate, Agnadello, Cascine Gandini e Torlino. Alle 14 del 14 maggio cominciano gli scontri e i veneziani sembrano prevalere, ma alle 16 arriva un fortunale di inaudita violenza che dura tre ore, rende inoffensiva l'artiglieria veneziana e permette ai francesi di prevalere. Sul campo restano 14.600 soldati di ambo le parti.

Poi viene firmata la pace e il re di Francia viene nella nostra città.

Ma questa è un'altra storia, la prossima storia


(XXXII)

(Luigi Dossena) Ludovico il Moro non si è limitato alla cremasca Cecilia Gallerani, dalla quale ha avuto un figlio nel 1493, ma ha ottenuto le grazie anche di una seconda donna, anche lei cremasca e anche lei ritratta da Leonardo da Vinci nel celebre quadro La belle ferronière, oggi esposto al Louvre. Si tratta di Lucrezia Crivelli, nata a Crema, che era subentrata alla Gallerani. Ma nell'ultima parte del 1400 a Crema si susseguono episodi singolari. Nel 1457 i frati protestano per le loro condizioni e per attirare l'attenzione frate Bortolo sale le scale del palazzo comunale e arriva nella sala del podestà portando in spalla un asino che ha in groppa un sacco di farina. Due anni più tardi gelano tutte le vigne e il 27 maggio cade grandine grossa come uova (vi ricorda qualcosa?). Nel 1470 Crema è colpita da una grande inondazione e il Serio arriva fino a metà via Mazzini. Nello stesso anno nasce qui Vincenzo Civerchio, il più grande pittore cremasco. Infine, nel 1483 da Venezia risalgono il Po, l'Adda e il Serio quattro navi cariche di alimenti e masserizie che attraccano a Porta Ripalta. L'anno successivo si assiste a crollo delle mura federiciane tra Ponte Furio e il ponte levatoio e le pietre ostruiscono la roggia Crema.

Nella seconda metà del XV secolo dal nord arrivano gli ebrei che si stabiliscono nell'odierna via Manzoni (tra piazza Duomo e le quattro vie). Avviano l'attività sei o sette botteghe condotte da ebrei. La via era molto stretta (solo 120 centimetri) e alla sera le porte della strada venivano chiuse a chiave da un custode che riapriva la mattina successiva. In queste botteghe ci sono lavorazioni d'avanguardia per i tempi. Per esempio, in un documento si cita che a Crema, nella tipografia si dà alle stampe un libro 'alla maniera di Guteberg' cioè con i caratteri mobili. Tre ebrei ebbero gran parte nella storia. Uno era Moise da Martinengo, arrivato a Crema e subito sodale con altri due ebrei entrambi di nome Leone ed entrambi banchieri. Moise era il custode delle sostanze di Bartolomeo Colleoni (anche lui di Martinengo, dove oggi c'è ancora il suo castello). Colleoni viene chiamato a Venezia, dove si reca con i tre ebrei e dove il 24 maggio 1458 viene insignito del bastone del comando e fatto capitano generale. Ma alla morte del Colleoni (1475), che non figli maschi, ma solo femmine, i tre ebrei vedono la loro protezione terminare e si vedono costretti a lasciare Crema per Cremona dove, dietro pagamento di 10mila ducati, aprono tre banchi di vendita consorziati tra di loro. In uno di questi nasce il violino, che qualcuno dice aver visto i prodromi in una bottega a Crema, poco prima del trasloco degli ebrei a Cremona.

Ma questa è un'altra storia, la prossima.


Leggi le prime dieci puntate cliccando qui

Leggi dall'XI alla XX puntata cliccando qui

Leggi dalla XXI alla XXX puntata cliccando qui


© Riproduzione riservata



14/08 - CREMA - Parte la costruzione del nuovo municipio Leggi l'articolo

07/08 - CREMA - Crema e il ritorno sotto la Serenissima Leggi l'articolo

23/07 - CREMA - Il ghetto ebraico e Bartolomeo Colleoni Leggi l'articolo

17/07 - CREMA - Vincono i francesi, grazie a un fortunale Leggi l'articolo

12/07 - CREMA - Gli eserciti muovono guerra a Crema Leggi l'articolo

05/07 - LA STORIA - Fine secolo di gloria per Crema, con cremaschi che danno lustro alla città Leggi l'articolo

29/06 - CREMA - La città diventa bella Leggi l'articolo

18/06 - CREMA - 1449, arriva Venezia Leggi l'articolo

11/06 - CREMA - Il miracolo del crocifisso Leggi l'articolo

04/06 - CREMA - La prima è del 1403, la seconda del 1450 Leggi l'articolo

28/05 - CREMA - Dalla signoria alla repubblica di S. Ambrogio Leggi l'articolo

10/05 - CREMA - La dinastia dei Visconti Leggi l'articolo

03/05 - CREMA - Arrivano gli ospedali e le rogge Leggi l'articolo

19/04 - CREMA - Le torri d'avvistamento nel cremasco Leggi l'articolo

13/04 - Dai Guelfi ai Ghibellini e viceversa, 50 anni di lotte Leggi l'articolo