Agnadello, festa per l'oratorio

Festa per l'oratorio che compie 35 anni. Sulla torta una frase di S. Giovanni Bosco. Leggi cosa è stato fatto cliccando qui

Offanengo, sì alle comunità energetiche

Il consiglio comunale ha detto sì alle comunità energetiche, aderendo al progetto della regione Lombardia. Leggi cliccando qui

Madignano, addio a Maffi

Un infarto ha ucciso Fabrizio Maffi, tra le prime guardie ecologiche del cremasco. Leggi cliccando qui

Occhio alla truffa

Qualcuno scrive nei commenti del giornale avvertendo che sono stati vinti cinque milioni di euro. E' una truffa. Leggi cliccando qui

Spino d'Adda, lutto

Addio a Giovanni Garnieri, primo presidente della Spinese Oratorio. Leggi il ricordo cliccando qui

Ripalta, che Bontà!

Successo per la prima cena delle specialità cremasche, con il presidente Aries Bonazza, al ristorante Loghetto. Leggi che è stato servito cliccando qui

Basket, bene Parking graf

Seconda vittoria nel campionato di basket di serie A per la Parking Graf che batte il Brixia 72-64.

Crema, Anffas scrive ai ladri

"Non farete sonni tranquilli dopo averci derubato". Lettera dell'Anffas ai ladri che hanno svaligiato due sedi dell'associazione. Leggi che cosa scrive cliccando qui

Volley, passa la Chromavis

Vittoria al quinto set per la Chromavis Eco Db contro Orocash Lecco, ma due punti non bastano perché dietro vincono tutte e sorpassano. Leggi cliccando qui

Calcio, pari per il Crema

Il Crema agguanta il pari negli ultimi minuti (rete all'84' di Brero) dopo essere stato a lungo sotto di una rete contro il Carpi, sceso al Voltini per fare risultato.

Crema, vaccini senza appuntamento

Due giorni di vaccinazioni senza appuntamenti. Leggi quando e dove presentarsi cliccando qui

Il Tar riammette i petardi ma, volendo, c'è una scappatoia

Crema News - Vai col botto

Crema, 02 dicembre 2022

Il Tar (sezione staccata di Brescia) ha accolto il ricorso proposto da una società attiva nel settore della produzione, vendita e commercializzazione di articoli pirotecnici avverso il regolamento comunale sul benessere animale. Sentenza che di fatto obbliga il comune di Crema a modificare il testo approvato il primo aprile del 2019 con deliberazione del consiglio comunale. La parte del regolamento interessata e annullata dal Tar è l'articolo 9, che riguarda nello specifico il divieto su tutto il territorio comunale di far esplodere petardi, botti, fuochi d'artificio e articoli pirotecnici in genere, prevedendo che il loro utilizzo "può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti degli animali".

I magistrati del Tribunale amministrativo regionale tra altri aspetti annotano che le regolamentazioni di livello locale non possono porre limitazioni alla disciplina euro-unitaria e nazionale sulla libertà di circolazione da garantire agli articoli pirotecnici. Il che rende il regolamento sul benessere animale "non solo in contrasto con le disposizioni nazionali ed euro-unitarie in materia, ma anche sproporzionato ed eccedente, per la sua indiscriminata ampiezza, rispetto allo scopo prefissato (il benessere animale) oltre che lesivo della libertà di iniziativa economica del ricorrente".

"Prendiamo atto della sentenza del Tar - commenta il sindaco Fabio Bergamaschi – e, anche sentito il parere legale, osserveremo quanto riportato dai magistrati modificando il regolamento nella parte interessata, ripubblicando il testo nella nuova versione aggiornata".

Il sindaco aggiunge comunque una sollecitazione: "Al netto della necessità di ottemperare alla pronuncia dei giudici, rimane salva la coscienza personale dei cittadini, che sono invitati a fare un uso dei materiali pirotecnici responsabile e quanto più rispettoso del benessere animale".

Traduzione: per Capodanno e feste comandate, si torna a sparare a più non posso, con buon pace degli animali che vivranno quei momenti terrorizzati e cercando rifugio dove rifugio non c'è. Oddio, non è che il regolamento, peraltro adottato quasi esclusivamente da Crema, sia stato molto osservato e che in tanti si siano astenuti dallo scoppiare i petardi, basta vivere in città e ascoltare quel che capita, non solo a Capodanno. Tuttavia, visto che questa parte regolamento deve essere modificata, possiamo suggerire di fare come Castelleone e altri comuni, cioè limitare a mezz'ora lo scoppio dei petardi. Così anche il Tar può ritenersi soddisfatto. Però, se si stabilisce mezz'ora, mezz'ora sia.


© Riproduzione riservata



25/11 - VAILATE - Si farà l'anno prossimo, ma il terreno c'è Leggi l'articolo

23/11 - CREMA - Il cane non può andare a trovare il suo padrone al cimitero Leggi l'articolo

20/11 - SAN BASSANO - Curato il falco trovato impallinato Leggi l'articolo

10/11 - CASALE CREMASCO - Il cane è stato curato e poi adottato Leggi l'articolo

09/11 - AGNADELLO - Vittime già cinque cani Leggi l'articolo

07/11 - MONTODINE - Si era cacciato nel motore di un'auto Leggi l'articolo

03/11 - VAILATE - Trovata nel pioppeto e portata a un centro di recupero Leggi l'articolo

15/10 - CREMA - Smarrito Malandro (Malo) Leggi l'articolo

15/10 - SPINO D’ADDA - Abbattuto da una fucilata Leggi l'articolo

12/10 - ARZAGO D'ADDA - Un'offerta per i cani ospitati Leggi l'articolo

09/10 - CREMA - Amici a quattro zampe in visita all'Anffas Leggi l'articolo

04/10 - PANDINO - Parte il piano di contenimento delle nutrie Leggi l'articolo

27/09 - CREMA - Deve sottoporsi a cure costose e la sua padrona ha finito i soldi Leggi l'articolo

25/09 - SAN BASSANO - Salvato dall'attacco di corvi e cornacchie Leggi l'articolo

11/09 - CREMA - Il professionista avrebbe sparato ad alcuni piccioni Leggi l'articolo

02/09 - SALVIROLA - La cagnolina è sparita la scorsa notte Leggi l'articolo