Crema, sondaggio

Esercizi pubblici e barriere architettoniche per i disabili. Un sondaggio. Leggi cliccando qui

Pandino, olio usato

La Eco's ritira l'olio naturale usato e lo ricicla. In più dà un rimborso spese a chi glielo accantona nei bidoni da lei consegnati. Leggi come funziona cliccando qui

Spino d'Adda, a dimora 102 piantine

I bambini, con i carabinieri della Forestale, hanno messo a dimora 102 piantine negli spazi delle loro scuole per dar vita al bosco diffuso. Leggi cliccando qui

Capralba, C'era anche l'ex ministro Guerini

Consegnata la Costituzione ai diciottenni di Capralba dal sindaco e alla presenza dell'ex ministro Guerini. Leggi cliccando qui

Sport, in 422 alla Bagnolo corre

Sono arrivati anche da Lucca per prendere parte alla Bagnolo corre, che ha visto 422 partecipanti. Leggi cliccando qui

Karate, Ererar prima

Medaglia d'oro nel singolo e argento a squadra per Miriam Ederar nei campionati regionali di karate. Leggi cliccando qui

Crema, una storia di successo

Albadoorpiù e la collaborazione con Finstral, raccontata dall'amministratore unico Bolis, che ha portato al raddoppio del fatturato. Leggi cliccando qui

Appuntamenti della settimana

Da lunedì a venerdì con cene tradizionali e pizze insieme, assaggi di mostarda, libri, fumetti, mercatini e corsi. E molto altro. Leggi cliccando qui

Soncino, garage a fuoco

Tutta colpa di alcuni barattoli di vernice che, entrando in contatto, hanno dato origine a una reazione chimica e alle fiamme. Leggi cosa è successo cliccando qui

Calcio, Pergo battuto

Battuta d'arresto casalinga per il Pergolettese che cede 2-0 al Voltini al Virtus Verona nei minuti finali (86' Nalini, 96' Gomez Taleb -rig-).

Crema, S. Lucia e l'asinello

Mazzolini gratis per l'asinello di S. Lucia. Li offre ai bambini Paolo, il fruttivendolo di piazza Garibaldi, che rinnova la tradizione. Leggi cliccando qui

Degli Angeli: "Sbugiardato il sistema politico che ha favorito il teleriscaldamento"

Crema News - Il teleriscaldamento? Costa di più

Regione, 15 novembre 2022

È stata divulgata l'indagine conoscitiva di Arera, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, sui costi e prezzi del teleriscaldamento. 

Le conclusioni sono pesanti e lasciano poco spazio alle repliche. 

Tra le varie considerazioni leggiamo: “i prezzi del servizio di teleriscaldamento sembrano in genere superiori al costo evitato di una caldaia a gas, che dovrebbe invece rappresentare il prezzo massimo applicabile." 

"Per anni ci hanno raccontato che con il teleriscaldamento si risparmia - dice il consigliere regionale grillino cremasco Marco Degli Angeli, - che con la componente di termo valorizzazione degli inceneritori, sarebbe stata una pacchia. Mentre oggi scopriamo che una classica caldaia a condensazione è più conveniente. Si è foraggiato per anni un sistema non conveniente ed oneroso e non si sono al contrario finanziate vere alternative più sostenibili. Superata l'emergenza rifiuti ci hanno raccontato che gli inceneritori andavano tenuti in vita perché l'incenerimento ci garantiva calore ecologico ed economico. Ci hanno riempito di rifiuti provenienti da fuori Regione e hanno costretto i cittadini a subire disagi per creare calore, con il risultato di pagare bollette più alte. Dopo anni, i partiti e gli amministratori che hanno sostenuto queste pratiche sono stati sbugiardati.  Da destra a sinistra viene sbugiardato un sistema politico che andrebbe accompagnato subito alla porta.

Chi veniva accusato di populismo e di essere quelli del NO , invece avevano ragione. Inoltre Arera scrive che, nella fase antecedente alla stipula del contratto di teleriscaldamento, "la principale criticità è legata alla difficoltà per l’utente di comparare i prezzi del servizio con il prezzo di servizi di climatizzazione alternativi."

Questo significa che è impossibile, se non per utenti esperti, confrontare e quindi capire se esiste un reale risparmio tra una bolletta di fornitura gas e una proposta di contratto per il servizio di teleriscaldamento. L'utente si rende conto se è stato fregato o meno solo dopo aver ricevuto un certo numero di bollette, quando ormai è troppo tardi.

Infatti: "Un ulteriore ostacolo al corretto funzionamento del mercato riguarda le distorsioni presenti nella fase successiva all’attivazione del servizio, derivanti dalla presenza di significativi switching costs." Cioè, una volta che ci troviamo nel tunnel del teleriscaldamento, i costi per uscirne sono talmente alti che rendono di fatto impossibile il passaggio ad altre fonti.

E infine, quello che tutti sospettavamo da tempo: "nelle reti caratterizzate dall’utilizzo di fonti energetiche con bassi costi variabili (rifiuti e geotermico), all’incremento dei prezzi del servizio (tipicamente indicizzati alle quotazioni del gas naturale) non è seguito un corrispondente aumento dei costi variabili di produzione.

La divaricazione tra il livello di costi e ricavi ha determinato una crescita significativa dei margini destinati alla remunerazione del capitale investito, con potenziali extraprofitti per gli operatori del settore".


"Traduzione: le società che alimentano le proprie reti con la combustione di rifiuti stanno lucrando in modo vergognoso e immotivato - continua Degli Angeli.- Avevamo dubbi?? L’indagine di Arera si conclude proponendo al legislatore nazionale l'introduzione del cosiddetto "cost reflective”, cioè di un sistema di determinazione dei prezzi basato sull'effettivo recupero dei costi di investimento e dei costi operativi. Ciò consentirebbe di garantire "equità dei prezzi" [...] "trasferire parte dei benefici agli utenti, con positive ricadute economiche e sociali" e infine "consentire la corretta internalizzazione dei benefici ambientali e la conseguente realizzazione di investimenti che non risultano attualmente sostenibili in un’ottica privata, pur essendo efficienti da un punto vista sociale."

Insomma, se anche non vi fidate di quello che dicono i grillini, per lo meno fidatevi quando le stesse cose le dice un’Autorità nazionale e chiedetevi per esempio “è giusto tenere ancora in vita l'inceneritore di Cremona ? È normale ragionare in termini di raddoppio del teleriscaldamento di Crema? È normale spendere soldi pubblici per acquistare l’inceneritore di Trezzo d'Adda ?”, oppure “quei sindaci che ci hanno vincolati al teleriscaldamento hanno fatto veramente gli interessi di noi cittadini?”

A questo link potete leggere i risultati dell’indagine ARERA sul teleriscaldamento ▶ https://www.arera.it/allegati/docs/22/547-22alla.pdf


Nella foto, Marco Degli Angeli con Manuel draghetti


© Riproduzione riservata



25/11 - REGIONE - Contributo per affrontare il caro energia Leggi l'articolo

24/11 - PROVINCIA - Il sindaco di Pianengo rientra in consiglio provinciale Leggi l'articolo

24/11 - REGIONE - Con le nuove regole, a rischio l'assegno per 104mila persone Leggi l'articolo

22/11 - REGIONE - In bilancio 1.6 milioni di euro in più Leggi l'articolo

22/11 - REGIONE - Riforma elettorale penalizza le opposizioni Leggi l'articolo

18/11 - REGIONE - Quella degli insediamenti di logistica in Lombardia Leggi l'articolo

15/11 - CREMA - Fin qui servizio a pagamento e poco utilizzato Leggi l'articolo

11/11 - REGIONE - Presentati dalla stessa maggioranza Leggi l'articolo

09/11 - REGIONE - Approvata la mozione del Pd Leggi l'articolo

08/11 - CREMA - Creare contatti tra chi vende e chi acquista Leggi l'articolo

08/11 - REGIONE - Bertolaso non è d'accordo Leggi l'articolo

03/11 - CREMA - Tutti vogliono vendere l'albergo del mare, con qualche distinguo Leggi l'articolo

02/11 - REGIONE - Piloni (Pd) e Degli Angeli (M5S): Sfiduciato il presidente Leggi l'articolo

02/11 - CREMA - La coordinatrice si lamenta dell'opposizione Leggi l'articolo

01/11 - OFFANENGO - Nuovo decreto legge, subito applicato Leggi l'articolo

30/10 - CREMA - Lettera del presidente dell'associazione Leggi l'articolo