Agnadello, festa per l'oratorio

Festa per l'oratorio che compie 35 anni. Sulla torta una frase di S. Giovanni Bosco. Leggi cosa è stato fatto cliccando qui

Offanengo, sì alle comunità energetiche

Il consiglio comunale ha detto sì alle comunità energetiche, aderendo al progetto della regione Lombardia. Leggi cliccando qui

Madignano, addio a Maffi

Un infarto ha ucciso Fabrizio Maffi, tra le prime guardie ecologiche del cremasco. Leggi cliccando qui

Occhio alla truffa

Qualcuno scrive nei commenti del giornale avvertendo che sono stati vinti cinque milioni di euro. E' una truffa. Leggi cliccando qui

Spino d'Adda, lutto

Addio a Giovanni Garnieri, primo presidente della Spinese Oratorio. Leggi il ricordo cliccando qui

Ripalta, che Bontà!

Successo per la prima cena delle specialità cremasche, con il presidente Aries Bonazza, al ristorante Loghetto. Leggi che è stato servito cliccando qui

Basket, bene Parking graf

Seconda vittoria nel campionato di basket di serie A per la Parking Graf che batte il Brixia 72-64.

Crema, Anffas scrive ai ladri

"Non farete sonni tranquilli dopo averci derubato". Lettera dell'Anffas ai ladri che hanno svaligiato due sedi dell'associazione. Leggi che cosa scrive cliccando qui

Volley, passa la Chromavis

Vittoria al quinto set per la Chromavis Eco Db contro Orocash Lecco, ma due punti non bastano perché dietro vincono tutte e sorpassano. Leggi cliccando qui

Calcio, pari per il Crema

Il Crema agguanta il pari negli ultimi minuti (rete all'84' di Brero) dopo essere stato a lungo sotto di una rete contro il Carpi, sceso al Voltini per fare risultato.

Crema, vaccini senza appuntamento

Due giorni di vaccinazioni senza appuntamenti. Leggi quando e dove presentarsi cliccando qui

Don Natale: "Siamo facile preda del materialismo"

Crema News - Lontani dalla cupidigia

Cremasco, 31 luglio 2022

XVIII Domenica ordinaria C

La Parola: Qo 1,2;2,21-23 Sal 89 Col 3,1-5.9-11 Lc 12,13-21 Dal Vangelo secondo Luca Lc 12,13-21

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: "Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità". Ma egli rispose: "O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?". E disse loro: "Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede". Poi disse loro una parabola: "La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: 'Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!'. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?'" Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio".


Finalmente dopo un lungo periodo di siccità è tornata un po’ di pioggia che ha rinfrescato anche un briciolo la massa d’aria calda che ci opprimeva. Anche in questo caso, come per il tipo della parabola raccontata da Gesù non ci risulta molto gradita la verità che ci sta sotto: anche l’uomo del terzo millennio cristiano, nonostante le straordinarie capacità e le ancor più mirabolanti scoperte scientifiche e tecniche, non il vero padrone di tutto l’universo. Anzi scoprire che forse è proprio il nostro delirio di onnipotenza e il conseguente scriteriato modo di usare e sfruttare i doni del creato che causa i disastri ambientali, per cui anche quando arriva la benedetta pioggia, da qualche parte lascia strascichi di distruzione e disagio, ci lascia almeno un poco sgomenti. Per non parlare poi delle sofferenze causate da malattie o terribili incidenti, o anche un semplice e sempre più diffuso malore improvviso, come un aneurisma, che ci porta via un giovanotto di vent’anni.

Insomma la parabola di Gesù non è un semplice raccontino come altri: sembra la fotografia di una situazione attuale e ben conosciuta da tutti noi. Ecco allora che l’interpretazione semplice ma tremenda del Signore diventa davvero uno dei suoi insegnamenti più grandi e validi per tutti i secoli: la nostra vita, il bene più grande che Dio ci ha dato, non dipende solo dalle nostre cose e dai nostri beni, ha un valore e un senso molto più grande e deve comprendere tante diverse realtà, materiali e spirituali, per giungere alla sua pienezza e alla vera gioia. Purtroppo siamo diventati tutti facili prede del materialismo e consumismo imperante, convinti tutti fin nel profondo, dentro e fuori la chiesa, credenti o non credenti, che l’unico e ultimo orizzonte valido e importante per la nostra vita sia il suo valore economico e materiale.

Leggevo con passione poco tempo fa una riflessione del vescovo di Pinerolo, il quale durante una solenne celebrazione sul sagrato del Duomo di Torino per la ordinazione di un vescovo, è rimasto colpito da come la maggior parte delle persone che passano in piazza, specialmente i giovani, si chiedessero chi fossero quei tali vestiti in modo variopinto e con cappelli così strani.

Se la Chiesa si propone al mondo d’oggi solo come la depositaria di una illustre e antica tradizione, ricca di simboli, di liturgie, di atteggiamenti consolidati in secoli di pratiche fedeli e attente al valore sacro della ripetizione delle parole lasciateci da Gesù, in realtà si mostra anche lei preda di quel materialismo che riduce tutto alle cose concrete e ai beni che si possiedono. Non si tratta certo di buttare le cose belle raccolte e guadagnate in secoli di testimonianza cristiana, ma certo dobbiamo comprendere come il Signore Gesù ci chieda oggi di trovare sempre nuova consapevolezza e quindi nuovi stili di vita cristiana e di celebrazione capaci di far conoscere a tutti quale sia il vero tesoro che Dio ha dato a ciascuno di noi e al suo popolo radunato nelle chiese di tutto il mondo. Il nostro mondo si pone tante domande, ma poi le assopisce con i tanti beni materiali, un po’ come certi genitori che saziano la fame d’amore dei loro figli con tanti regali o giocattolini, ma noi credenti abbiamo il dovere di indicare la strada, certamente più impegnativa, dello Spirito, sapendo bene che solo una visione più completa della nostra realtà umana ci permette di vivere meglio e più degnamente la stessa vita quotidiana, nello sforzo di preparare la vita eterna che ci at- tende con il Signore Gesù.


Nella foto, don Natale Grassi Scalvini, autore della riflessione, con il vescovo di Crema


© Riproduzione riservata



05/12 - CREMA - Dopo il furto all'Anffas, il consiglio scrive agli autori Leggi l'articolo

04/12 - CREMASCO - Arriva il Natale, prepariamoci Leggi l'articolo

03/12 - CREMA - Il cammino di fede del vescovo di Molfetta Leggi l'articolo

02/12 - Bangkok - Incontro con Giulia Riboli, volontaria Leggi l'articolo

01/12 - CREMA - Psicologi a scuola per spiegare i rischi Leggi l'articolo

01/12 - REGIONE - Successo della colletta del Banco alimentare Leggi l'articolo

28/11 - CREMA - Albodoorpiù, il futuro vincente, adesso Leggi l'articolo

27/11 - CREMASCO - Vegliate, perché non sappiamo quando saremo chiamati Leggi l'articolo

25/11 - CREMA - Un premio per gli studenti registrati al Bus2school Leggi l'articolo

23/11 - OFFANENGO - Più presenti nel mercato asiatico Leggi l'articolo

22/11 - CREMA - L'Ats promuove l'attività motoria Leggi l'articolo

21/11 - REGIONE - Campagna della regione Lombardia Leggi l'articolo

20/11 - CREMASCO - In realtà Gesù è sempre con noi Leggi l'articolo

19/11 - CREMA - Obiettivi troppo alti e stringenti Leggi l'articolo

18/11 - CREMA - Una messa in sua memoria dagli scout adulti Leggi l'articolo