Crema, messa e fiaccolata per Sabrina

Una messa questa sera a Ripalta Arpina e una fiaccolata a Vergonzana per ricordare Sabrina Beccalli. Leggi cliccando qui

Chieve, strada ancora chiusa

Resta chiusa la strada che da Chieve va a Capergnanica, per lavori di assestamento e di creazione di una ciclabile. Leggi cliccando qui

Crema, i candidati del M5s

Matteo Della Noce per il Senato e Manuel Draghetti per la Camera sono i due cremaschi in corsa per il prossimo Parlamento. Leggi le liste cliccando qui

Volley, Enercom Fimi, in palestra

Si comincia lunedì la preparazione per il campionato di B1 delle giocatrici della Enercom Fimi. Leggi chi è convocato cliccando qui

Crema, carta europea della disabilità

Il leghista Andrea Bergamaschini propone l'adozione della Carta europea dei disabili. Leggi in che cosa consiste cliccando qui

Crema, la Bonaldi accetta

Accett la candidatura ma non è soddisfatta e lo scrive in un lungo post sulla sua pagina fb. Leggi l'articolo cliccando qui

Calcio, Trofeo Micheli, prevendita

Partita la prevendita dei biglietti per il trofeo Micheli, che vedrà di fronte Pergolettese e Crema. Leggi dove acquistare i biglietti cliccando qui

Crema, premi alla poetessa

La poetessa Valeria Groppelli vince due premi in terra toscana. Leggi in quali concorsi ha primeggiato cliccando qui

Coronavirus, i dati del 18 agosto

Aumentano il tasso di contagio e anche il numero delle vittime in Italia, mentre in Lombardia tasso in diminuzione e in provincia meno nuovi positivi. Leggi cliccando qui

Pandino, istruttore cercasi

L'Asm di Pandino cerca un istruttore di palestra per Blu Pandino. Leggi le specifiche cliccando qui

Cremasco, appuntamenti da martedì a venerdì

I michì da San Roc, l'ultima giornata di tortelli a Crema e la prima a Offanengo e altri appuntamenti. Leggi cliccando qui

La storia, il nuovo comune (XXXV)

Siamo nel 1524, quando viene decisa la costruzione del nuovo comune; quattro anni prima era stata inaugurata piazza castello, oggi piazza Garibaldi. Leggi la storia cliccando qui

Crema, Dora cerca una stanza

Dora sta facendo curare a sua cagnolina Maya e ha bisogno di una stanza per dieci giorni. Leggi la storia cliccando qui

Crema sotto Milano, ma arriva Venezia, complici due Benzoni

Crema News - Venezia alle porte

Crema, 27 maggio 2022

(Luigi Dossena) Nel 1423 fugge da Crema il signore, Giorgio Benzoni, che lascia così mano libera ai ghibellini, che rientrano in città. Parte il dominio dei Visconti, che mandano a Crema un commissario ducale, Franco Castiglioni. Tuttavia, Giorgio Benzoni non se ne sta con le mano in mano, ma si fa assoldare da Venezia e dà l'assalto alla viscontea Brescia, ottenendo crediti importanti con la Serenissima. Infatti il senato lo nomina nobile veneziano. In città nel 1439 si comincia a costruire un convento per gli agostiniani, il più importante della Lombardia. Nasce così il Sant'Agostino, ancora oggi centro della cultura della città. Due anni più tardi Borso d'Este ottiene da Milano il dominio di Crema; il cavaliere era in credito con Filippo Maria Visconti e ottiene in cambio la nostra città, mentre poco dopo, nel 1441 Milano e Venezia firmano un trattato di pace che però dura poco, solo cinque anni. Nel 1446 signore della nostra città è Carlo Gonzaga, mantovano, che come prima mossa espelle dai confini 2500 guelfi cremaschi, impedendo di fatto che questa fazione si accordi con Venezia. Oltre a questa mossa, c'è anche la condanna al confino di Giorgio Benzoni e di suo figlio Venturino, che ormai erano al soldo di Venezia. Di più, perché vengono confiscati tutti i beni dei Benzoni e dei guelfi. Ma l'anno successivo muore Filippo Maria Visconti, senza lasciare eredi maschi. Un solo giorno dopo la sua morte, il 14 agosto 1447, c'è una riunione di alti dignitari nella quale si decide di proclamare la repubblica di S. Ambrogio. Il 2 settembre entra in Crema Gasparo Vimercati, commissario della repubblica, che invita a Milano i maggiorenti cittadini e una volta là, sono chiamati a giurare fedeltà alla repubblica di S. Ambrogio. Ma Venezia non attende oltre e assalta i milanesi che vengono sconfitti da Francesco Sforza e si consegnano insieme all'esercito.

Comincia le manovre che porteranno Venezia il 16 settembre 1449 a diventare dominatori del territorio.

Ma questa è un'altra storia, la prossima.



Nei disegni, Venturino Benzoni

Crema nel 1413

Carlo Gonzaga, governatore di Crema

il conte di Carmagnola

La zecca dei Benzoni

Castello visconteo a Porta Ombriano


XXI puntata

Crema, 03 maggio 2022

(Luigi Dossena) Siamo nella seconda metà del XIV secolo e il borgo acquista una forma più cittadina. Le strade vengono sistemate, c'è una rete irrigua, le vie di comunicazione esterne sono rese più sicure. Prima si regola l'Acqua Rossa poi, nel 1361 la roggia Ora a Ombriano, quindi la Malcontenta che parte dal Serio. Infine la Comuna e la Quarantina.

Il Duomo di Crema è finito da pochi anni e in una campata i due architetti che lo costruirono, Dinus Jacobus de Gabiano e Dinus Gracius de Prata lasciano inciso i loro nomi, a futura memoria.

Tempo anche di ospedali per i malati. Davanti ai notai Giovanni de Vairano, Giovacchino Civerchi e Giacomino de Castelli, 14 cittadini fondarono un ospizio per gli infermi chiamato Domus dei, posizionato a S. Pietro, tra l'albergo Stella e le scuole elementari di S. Pietro. L'ospedale pose fine al problema dei ricoveri. Sin lì in città c'erano una ventina di ospizi laici o tenuti dal clero, con pochi posti letto dove chi entrava non aveva molte garanzie di uscire e dove le ruberie erano all'ordine del giorno.

Nel 1354 Carlo IV dona la città di Crema a Bonifacio de'Lupi, marchese di Soragna e vassallo dell'impero. Bonifacio sposa una Benzoni e ha un figlio, Giovannino, a cui lascia in eredità la città. Ma la zona resta sotto il dominio dei Visconti. A Bernabò spettò la nostra città che la passò al figlio Carlo (la mamma era Regina della Scala). Bernabò fece costruire un sontuoso castello che diede al figlio Carlo presso porta Ombriano nel 1364 con camera da letto eccezionalmente bella, detta paradiso, lasciamo immaginare il perché. La fortuna di Carlo Visconti cessò nel 1385, quando il padre Bernabò viene detronizzato e costretto a fuggire dal nipote Giangaleazzo.

Ancora acqua sotto i ponti, quando nel1396 Gasparino e Geraldino Alchini firmano davanti al notaio il diritto di prendere acqua da Mozzanica per 20 fiorini l'anno. Viene così scavata la roggia Alchina.

Siamo ormai nel 1400, quando si staglia all'orizzonte la signoria dei Benzoni. Ma questa è un'altra storia.


XXII puntata

(Luigi Dossena) Sette signori di Crema della dinastia dei Visconti si succedettero per 70 anni nel dominio della nostra città. La storia menziona dapprima i signori e poi il ducato di Crema. SI comincia il 18 ottobre 1335, quando Azzone Visconti riceve le chiavi della città in segno di resa dai cremaschi. Signoria breve, la sua perché morirà nel 1339. Il suo posto venne preso dagli zii Luchino e Giovanni, quest'ultimo arcivescovo di Milano. L'ufficialità arriva addirittura dal papa Benedetto XII che conferisce ai due fratelli la signoria di Crema, dietro compenso annuo di 10mila fiorini da pagare nel giorno di S. Pietro e Paolo. Ma Luchino Visconti, approfittando della lontananza del papa (la sede era ad Avignone) fa un colpo di mano e si libera del papato. Tuttavia la storia non finisce qui perché Luchino a sua volta si libera di Giovanni e resta da solo al potere, ma nel 1349 finisce avvelenato, pare da sua moglie e l'arcivescovo Giovanni torna al potere. Morirà nel 1354 lasciando erede della signoria, che comprendeva Crema e altre 17 città, tra le quali Milano, Bernabò Visconti. Quest'ultimo stabilì la sua sede a Milano e a Crema. Nel palazzo oggi Terni (via Bartolino Terni) lasciò il figlio Carlo e la moglie Beatrice (detta Regina della Scala per le sue arti regali). Tutto questo fino al 1379, quando il nipote Giangaleazzo muove guerra a Bernabò e lo caccia da Milano, mentre a Crema Carlo viene esautorato da potere e castello. La città passa poi sotto il dominio di Giangalezzo, figlio di Galeazzo che resta al potere fino alla morte, avvenuta il 3 settembre 1402. A lui succede il suo primogenito, Giovanni Maria che però deve dividere il territorio con il figlio naturale di suo padre, Gabriello, il quale aveva ottenuto l'investitura addirittura da re Venceslao. E' proprio Gabriello con la moglie di Giangaleazzo, Caterina Visconti, a governare la città come ultimo signore.

Tuttavia, prima c'è un altro importante fatto storico. Nel 1385 la città diventa un ducato. Il 25 settembre Giangalezzo Visconti paga 100mila fiorini d'oro a re Venceslao e acquista il titolo di duca, con la possibilità di trasmetterlo ai suoi discendenti. Crema, assieme ad altre 25 città, acquista il ruolo di ducato.

Poco dopo riprende fiato la lotta tra guelfi e ghibellini. Ma questa è un'altra storia.


XXIII puntata

(Luigi Dossena) Anno 1398, anno della pace tra Guelfi e Ghibellini. Una pace suggellata nel castello di Ricengo tra il ghibellino Rinaldo dei conti di Camisano e per i guelfi Compagno Benzone. La promessa è che tutti potranno entrare in Crema. E così è, ma solo perché Rinaldo il giorno dopo ne approfitta e mette a ferro e fuoco la città, mandando alla forca sei esponenti di spicco dei guelfi e spedendone altri 200 in prigione o in esilio. Tra questi anche Compagno Benzone e il padrone di casa del castello di Ricengo, Nicolò Vimercati. Intanto Caterina Visconti, vedova di Giangaleazzo, con due figli piccoli governa il ducato di Crema, fin tanto che il figlio Gianmaria diventa dominus della città. Per ringraziamento Gianmaria fa assassinare la madre, mentre il fratello minore Filippo vive a Monza, nel terrore di essere a sua volta ucciso. Pessima sorte per il fratellastro Gabriello Visconti, fatto decapitare a Pavia a 22 anni. Non sarà una morte dolce neppure per Gianmaria che a sua volta verrà pugnalato durante una congiura.

Nella lotta tra guelfi.e ghibellini, i primi assaltano i secondi che si rifugiano nel castello visconteo di Porta Ombriano. I guelfi chiamano in aiuto i cremonesi, con Cabrino Fondulo che arriva in città con quattro spingarde, armi mai viste ed espugna il castello.

A guidare le lotte dei guelfi ci sono tre Benzoni, i fratelli Bartolomeo e Paolo e il cugino Giorgio. Ai due fratelli il gran consiglio di 200 guelfi riunito nel palazzo comunale conferisce la signoria della città. Siamo nel 1403. La pace dura poco perché nel maggio 1405 Giovanni Maria Visconti, prima di cadere assassinato, vuole punire Cremona e il suo signore Carlo Cavalcabò per aver dato vita con Lodi, Brescia e Crema alla Lega anti Visconti e decide una spedizione che deve passare anche da Crema. I due Benzoni decidono di ritirarsi nel castello, per sfuggire all'assalto di Visconti, ma la soluzione si rivelerà una trappola mortale perché scoppia una epidemia di peste e i due signori muoiono. Siamo nel settembre del 1405, quando Giorgio Benzoni si fa erede della signoria di Crema ne diventa signore, ottiene i diritto dall'imperatore di battere moneta dall'imperatore Sigismondo di Lussemburgo.

Ma questa è un'altra storia.


Leggi le prime dieci puntate cliccando qui

Leggi dall'XI alla XX puntata cliccando qui


© Riproduzione riservata



14/08 - CREMA - Parte la costruzione del nuovo municipio Leggi l'articolo

07/08 - CREMA - Crema e il ritorno sotto la Serenissima Leggi l'articolo

31/07 - CREMA - Vuole il libro della Commedia, non glielo danno Leggi l'articolo

23/07 - CREMA - Il ghetto ebraico e Bartolomeo Colleoni Leggi l'articolo

17/07 - CREMA - Vincono i francesi, grazie a un fortunale Leggi l'articolo

12/07 - CREMA - Gli eserciti muovono guerra a Crema Leggi l'articolo

05/07 - LA STORIA - Fine secolo di gloria per Crema, con cremaschi che danno lustro alla città Leggi l'articolo

29/06 - CREMA - La città diventa bella Leggi l'articolo

18/06 - CREMA - 1449, arriva Venezia Leggi l'articolo

11/06 - CREMA - Il miracolo del crocifisso Leggi l'articolo

04/06 - CREMA - La prima è del 1403, la seconda del 1450 Leggi l'articolo

10/05 - CREMA - La dinastia dei Visconti Leggi l'articolo

03/05 - CREMA - Arrivano gli ospedali e le rogge Leggi l'articolo

19/04 - CREMA - Le torri d'avvistamento nel cremasco Leggi l'articolo

13/04 - Dai Guelfi ai Ghibellini e viceversa, 50 anni di lotte Leggi l'articolo