Crema, messa e fiaccolata per Sabrina

Una messa questa sera a Ripalta Arpina e una fiaccolata a Vergonzana per ricordare Sabrina Beccalli. Leggi cliccando qui

Chieve, strada ancora chiusa

Resta chiusa la strada che da Chieve va a Capergnanica, per lavori di assestamento e di creazione di una ciclabile. Leggi cliccando qui

Crema, i candidati del M5s

Matteo Della Noce per il Senato e Manuel Draghetti per la Camera sono i due cremaschi in corsa per il prossimo Parlamento. Leggi le liste cliccando qui

Volley, Enercom Fimi, in palestra

Si comincia lunedì la preparazione per il campionato di B1 delle giocatrici della Enercom Fimi. Leggi chi è convocato cliccando qui

Crema, carta europea della disabilità

Il leghista Andrea Bergamaschini propone l'adozione della Carta europea dei disabili. Leggi in che cosa consiste cliccando qui

Crema, la Bonaldi accetta

Accett la candidatura ma non è soddisfatta e lo scrive in un lungo post sulla sua pagina fb. Leggi l'articolo cliccando qui

Calcio, Trofeo Micheli, prevendita

Partita la prevendita dei biglietti per il trofeo Micheli, che vedrà di fronte Pergolettese e Crema. Leggi dove acquistare i biglietti cliccando qui

Crema, premi alla poetessa

La poetessa Valeria Groppelli vince due premi in terra toscana. Leggi in quali concorsi ha primeggiato cliccando qui

Coronavirus, i dati del 18 agosto

Aumentano il tasso di contagio e anche il numero delle vittime in Italia, mentre in Lombardia tasso in diminuzione e in provincia meno nuovi positivi. Leggi cliccando qui

Pandino, istruttore cercasi

L'Asm di Pandino cerca un istruttore di palestra per Blu Pandino. Leggi le specifiche cliccando qui

Cremasco, appuntamenti da martedì a venerdì

I michì da San Roc, l'ultima giornata di tortelli a Crema e la prima a Offanengo e altri appuntamenti. Leggi cliccando qui

La storia, il nuovo comune (XXXV)

Siamo nel 1524, quando viene decisa la costruzione del nuovo comune; quattro anni prima era stata inaugurata piazza castello, oggi piazza Garibaldi. Leggi la storia cliccando qui

Crema, Dora cerca una stanza

Dora sta facendo curare a sua cagnolina Maya e ha bisogno di una stanza per dieci giorni. Leggi la storia cliccando qui

Quando Venezia si prese Crema, secondo Pellegrini

Crema News - Venezia e la terra ferma, secondo Pellegrini

Crema, 25 giugno 2022

(Boris Parmigiani) Nella splendida cornice dei giardini di Villa Benvenuti, a Ombriano di Crema, sabato scorso, alle ore 16.30, ha avuto luogo la presentazione del libro Venezia e la terraferma del professor Marco Pellegrini, docente di storia moderna e rinascimentale presso l'Università degli studi di Bergamo, volto altresì noto di programmi televisivi di natura storica, in onda sul canale di Rai Storia. 

L'autore, introducendo l'argomento, ha ringraziato il pubblico per la presenza all'evento (nonostante la giornata torrida) rimarcando il legame della città di Crema con le Provincie di Bergamo e Brescia, nonché con la Serenissima, che ha lasciato in città importanti segni della sua secolare presenza. 

Mario Cassi, presidente del gruppo culturale cremasco L'Araldo ha ringraziato il presidente onorario Ferrante Benvenuti per l'ospitalità concessa, presentando Marco Carobbio, ricercatore presso l'università di Bergamo e Paolo Amighetti, anch'egli ricercatore a Brescia, entrambi collaboratori del professor Pellegrini. 

Ferrante Benvenuti si è complimentato con Pellegrini per la scelta dell'importante periodo storico nel quale si articola la narrazione del suo libro.           

L'autore ha quindi illustrato gli aspetti salienti e i punti focali del suo lavoro che ripercorrono e descrivono l'evoluzione dello stato Veneziano in terra ferma. Nel periodo di tempo intercorrente tra il tardo medioevo e il Rinascimento, Venezia estese la sua egemonia su un considerevole numero di città e territori, i quali contribuirono a costituire lo Stado da terra, compreso tra il Friuli, il Veneto e la parte orientale della Lombardia. 

Sotto la vigilanza dei Rettori inviati in loco da Venezia, queste provincie godettero di vitalità e prosperità economica; le campagne si popolarono sempre più di ville e le città ebbero un forte impulso edilizio. 

L'autore narra tre secoli di sviluppo e di notevole espansione in terra ferma di Venezia, nonché le rivalità sorte a livello locale, la nascita di varie istituzioni e i relativi status governativi, la cultura e le tradizioni, sino alla dissoluzione di tale assetto istituzionale e territoriale, avvenuta nel 1797. 

Nell'ambito dello scontro tra Venezia e Milano, la morte prematura di Giangaleazzo Visconti, avvenuta nel 1402, primo Duca di Milano e artefice della costruzione di un vasto Stato pluricittadino, fornì l'occasione a Venezia per estendersi, territorialmente e politicamente, mediante l'annessione di nuovi territori.  Alla morte dei Visconti, i primi ad approfittarne furono i collaboratori del Duca di Milano e in tale periodo, ebbe inizio, a Crema, l'avventura dei Benzoni. Della dissociazione di Milano cercò di approfittarne anche Francesco Novello da Carrara, ma le sue ambizioni non ebbero durature conseguenze. Nel 1404, la prima città ad accorrere al cospetto di Venezia fu Vicenza, seguita da Cologna Veneta, Belluno, Bassano e Feltre. Venezia, politicamente, cercò di investire in diplomazia e risultò economicamente meno esosa, nei confronti dei suoi territori, rispetto a Milano; non alzò i dazi e le imposte indirette durante i primi sessant'anni della sua dominazione, cosicché le città godettero di benessere economico e sociale. Venezia si creò, in tal modo, la reputazione di signoria leggera. 

Solo a Venezia città il costo della vita continuava a salire, ma nello stesso tempo la città lagunare si espandeva demograficamente sempre più a seguito del rilevante fenomeno migratorio. Il rialzo delle tasse, nella città di Venezia, veniva quindi compensato con la veloce crescita del Pil. Nel 1447-1449 i cremaschi capirono che era più conveniente per la città di Crema sottostare alla dominazione veneta, poiché la medesima offriva maggiori garanzie politiche e sociali. La Pace di Lodi, siglata nell'aprile del 1454, pose fine allo scontro fra Venezia e Milano, sancendo la successione di Francesco Sforza al Ducato di Milano, ormai sottratto ai Visconti. 


Nelle foto, il relatore Marco Pellegrini e il pubblico presente


© Riproduzione riservata



15/08 - CREMA - Al mare o in montagna, ecco cosa si può trovare Leggi l'articolo

14/08 - CREMASCO - Abbiamo il compito di continuare a realizzarlo Leggi l'articolo

13/08 - ROMA - Morto il grande comunicatore: era il più anziano presentare televisivo Leggi l'articolo

12/08 - CREMA - Nuovi portalettere in provincia Leggi l'articolo

10/08 - CREMA - Ecco cosa succede in estate Leggi l'articolo

09/08 - CREMA - Cercansi cinque persone per la commissione paesaggio Leggi l'articolo

08/08 - CREMA - Via Civerchi, da settimane non passa il lavaggio Leggi l'articolo

07/08 - CREMASCO - State pronti perché non sappiamo quando arriva l’ora Leggi l'articolo

03/08 - REGIONE - Mare splendido, paesaggi incantati Leggi l'articolo

02/08 - CREMA - I lavori che non vanno, secondo Fratelli d'Italia Leggi l'articolo

01/08 - OFFANENGO - Grazie all'acquisizione di Synres Leggi l'articolo

31/07 - CREMASCO - L'uomo non è il padrone dell'universo Leggi l'articolo

29/07 - PANDINO - Dinosauri, mancato spettacolo Leggi l'articolo

28/07 - CREMA - In Lombardia 150mila casi, ma si guarisce Leggi l'articolo

27/07 - CREMA - Le vacanze fatte insieme, a scuola Leggi l'articolo

27/07 - CREMA - Chi non paga il biglietto: mancati introiti per 400milioni di euro Leggi l'articolo