Agnadello, festa per l'oratorio

Festa per l'oratorio che compie 35 anni. Sulla torta una frase di S. Giovanni Bosco. Leggi cosa è stato fatto cliccando qui

Offanengo, sì alle comunità energetiche

Il consiglio comunale ha detto sì alle comunità energetiche, aderendo al progetto della regione Lombardia. Leggi cliccando qui

Madignano, addio a Maffi

Un infarto ha ucciso Fabrizio Maffi, tra le prime guardie ecologiche del cremasco. Leggi cliccando qui

Occhio alla truffa

Qualcuno scrive nei commenti del giornale avvertendo che sono stati vinti cinque milioni di euro. E' una truffa. Leggi cliccando qui

Spino d'Adda, lutto

Addio a Giovanni Garnieri, primo presidente della Spinese Oratorio. Leggi il ricordo cliccando qui

Ripalta, che Bontà!

Successo per la prima cena delle specialità cremasche, con il presidente Aries Bonazza, al ristorante Loghetto. Leggi che è stato servito cliccando qui

Basket, bene Parking graf

Seconda vittoria nel campionato di basket di serie A per la Parking Graf che batte il Brixia 72-64.

Crema, Anffas scrive ai ladri

"Non farete sonni tranquilli dopo averci derubato". Lettera dell'Anffas ai ladri che hanno svaligiato due sedi dell'associazione. Leggi che cosa scrive cliccando qui

Volley, passa la Chromavis

Vittoria al quinto set per la Chromavis Eco Db contro Orocash Lecco, ma due punti non bastano perché dietro vincono tutte e sorpassano. Leggi cliccando qui

Calcio, pari per il Crema

Il Crema agguanta il pari negli ultimi minuti (rete all'84' di Brero) dopo essere stato a lungo sotto di una rete contro il Carpi, sceso al Voltini per fare risultato.

Crema, vaccini senza appuntamento

Due giorni di vaccinazioni senza appuntamenti. Leggi quando e dove presentarsi cliccando qui

Un italiano su quattro è a rischio povertà

Crema News - Meloni e il reddito di cittadinanza

Regione, 27 ottobre 2022

Lettera del consigliere regionale Cremasco Marco Degli Angeli, grillino, in merito al discorso alla Camera della premier Giorgia Meloni


Gentile direttore,

sono a fare alcune riflessioni su quanto asserito dalla neo premier Giorgia Meloni martedì, durante il discorso di fiducia alla Camera:

Il solo pensare di sottrarre il reddito a circa 830 mila persone con relative famiglie e figli minorenni credo sia una vergogna. Mentre l’ondata inflazionistica e il caro bollette rischiano di allargare la fascia di povertà, Giorgia Meloni si dice prima preoccupata per il difficile momento che il Paese sta affrontando, definendolo una nave in tempesta e contestualmente definisce il Rdc una sconfitta per chi è in grado di lavorare. È che chiaro che la neo premier non abbia fatto i conti con il tasso di disoccupazione né con la reale situazione economica - lavorativa del Paese. Evidentemente per la Meloni e la sua coalizione sono più importanti i condoni, l'abolizione dell'abuso d'ufficio e l'aumento dell'uso dei contanti a 10 Mila euro”.

Dati alla mano, già nel 2021 il 25,4% della popolazione era a rischio povertà ed esclusione sociale. In questo preciso momento storico l’inflazione e il caro bollette colpiranno soprattutto le famiglie più a basso reddito e il rischio, concreto, è quello che verrà allargata la platea di povertà.

Non è certo questo il momento di fare muro ad una misura che serve e che sta aiutando 2,5 milioni di persone tra i quali molti anziani e minori. Soprattutto quando l’Istat ha confermato che i prezzi al consumo delle famiglie hanno subito un incremento pari al +8,6% rispetto al settembre 2021 e del +11,4% rispetto al settembre 2020. Inoltre, il Fmi stima che durante il 2023  la disoccupazione in Italia tornerà al 9,4%”.

La neo premier sembra non aver fatto i conti con la realtà dei fatti. In provincia di Cremona sono circa 3 mila i percettori di Reddito mentre il tasso di disoccupazione nel capoluogo si attesta intorno al 5,1%.

Il reddito di cittadinanza non è una sconfitta, ma è una grande vittoria sociale. Delegittimarlo è un grave errore: qualcuno spieghi a Meloni che essere abile al lavoro non significa necessariamente percepire un reddito sufficiente a vivere in modo dignitoso ed il Rdc entra proprio nel solco di questo gap. In Italia, infatti, secondo i dati Anpal 179 mila persone hanno un lavoro, ma guadagnano così poco da avere i requisiti per la misura voluta dal M5S.

In Italia ci sono inoltre 661 mila cittadini abili al lavoro, ma che tuttavia sono disoccupati. Davvero Meloni non fa nemmeno lo sforzo di comprendere e provare a risolvere i motivi ostativi all’occupazione di queste persone? Togliere un’integrazione così importante è uno smacco clamoroso. Promettere solo il taglio di cinque punti del cuneo fiscale, serve a poco se nel frattempo 830 mila persone vengono condannate dal centro Destra ad una povertà senza via di uscita.


Nella foto, Marco degli Angeli


© Riproduzione riservata



05/12 - CREMA - Dopo il furto all'Anffas, il consiglio scrive agli autori Leggi l'articolo

04/12 - CREMASCO - Arriva il Natale, prepariamoci Leggi l'articolo

03/12 - CREMA - Il cammino di fede del vescovo di Molfetta Leggi l'articolo

02/12 - Bangkok - Incontro con Giulia Riboli, volontaria Leggi l'articolo

01/12 - CREMA - Psicologi a scuola per spiegare i rischi Leggi l'articolo

01/12 - REGIONE - Successo della colletta del Banco alimentare Leggi l'articolo

28/11 - CREMA - Albodoorpiù, il futuro vincente, adesso Leggi l'articolo

27/11 - CREMASCO - Vegliate, perché non sappiamo quando saremo chiamati Leggi l'articolo

25/11 - CREMA - Un premio per gli studenti registrati al Bus2school Leggi l'articolo

23/11 - OFFANENGO - Più presenti nel mercato asiatico Leggi l'articolo

22/11 - CREMA - L'Ats promuove l'attività motoria Leggi l'articolo

21/11 - REGIONE - Campagna della regione Lombardia Leggi l'articolo

20/11 - CREMASCO - In realtà Gesù è sempre con noi Leggi l'articolo

19/11 - CREMA - Obiettivi troppo alti e stringenti Leggi l'articolo

18/11 - CREMA - Una messa in sua memoria dagli scout adulti Leggi l'articolo