1189, Barbarossa dà il permesso di ricostruire Crema

Crema, 27 febbraio 2022

(Luigi Dossena) Pochi anni dopo la distruzione della città, in molti cominciarono ad adoperarsi per la sua ricostruzione. Tuttavia c'era da superare non tanto le resistenze del Barbarossa, ma il veto assoluto posto da Cremona. E a dire il vero i cremonesi non giocarono bene le loro carte diventando pochi anni dopo invisi al Barbarossa, che invece aveva cominciato a vedere di buon occhio i cremaschi.

Dopo la distruzione della città era rimasto in piedi solo parte del Duomo. Subito dopo la distruzione, nel 1160 Barbarossa nomina Tinto Muso de Gatta, costruttore della terribile macchina da guerra, conte dell'Isola Fulcheria. Due anni più tardi l'imperatore consegna i resti della città ai cremonesi, con obbligo a non ricostruire fortificazioni tra l'Adda e l'Oglio. Ma subito dopo il Barbarossa avoca a sé questi territori quale sua cassaforte e a Cremona nel 1167 viene stretto un patto contro il Barbarossa tra le città di Bergamo, Milano, Mantova e la stessa Cremona. Nasce la Lega Lombarda.

Dal patto, poco dopo, si sfila Milano che però accetta dai cremonesi la condizione di vietare la ricostruzione di Crema. Nel 1173 riunione della città della Lega Lombarda a Modena dove, tra l'altro, viene ribadito il divieto di ricostruire la nostra città.

La svolta avviene il 25 giugno 1183, quando l'imperatore incontra i rappresentanti della Lega Lombarda e firma un concordato nel quale, al capitolo 9, si vieta la ricostruzione della città ma, con un'escamotage, la clausola viene cambiata e l'11 febbraio 1185 in un incontro tra Barbarossa e i milanesi, si arriva alla concessione della ricostruzione. In questo incontro ci sono tre consoli cremaschi: Domerto Benzoni, Rogerio Osio e Benzo Bonsignori a perorare la causa della città.

In pompa magna, il 7 maggio 1185 l'imperatore Barbarossa traccia il solco entro il quale sorgerà la nuova città, un territorio più ampio di quello originale, che comprende i borghi vicini. Guglielmo marchese del Monferrato fa dono delle sue insegne a Crema, stemma tuttora in vigore. In quella data, nel Duomo di Crema, lo stesso Barbarossa è alla messa dell'arcivescovo di Milano Oberto Crivelli, futuro papa Urbano III, che benedice la ricostruzione.

Nel 1199 la cerchia muraria di Crema è ultimata con 21 torricelle e quattro torri grandi, quattro porte con ponti levatoi e 27 rioni.



Nelle immagini, il documento dove si vieta la ricostruzione di Crema

Interno del Duomo

Lo stemma della città

I tre consoli cremaschi che ottennero di poter ricostruire la città

Crema nel 1199

Federico Barbarossa

Porta Ripalta

Crema nel 1195

Altra veduta di Crema 1195

Crema sul finire del 1100



Leggi le prime dieci puntate cliccando qui


(XI puntata)

Crema, 03 febbraio 2022

(Luigi Dossena) Nella seconda parte del XII secolo Federico I Hohenstaufen, meglio noto come Federico Barbarossa, cala in Italia. Nel 1155 dichiara guerra a Lodi e Como e riceve il sostegno alla sua sentenza imperiale anche di Gerardo da Crema, conte di Crema e figlio di Manfrido, gisalbertino conte di Offanengo. Crema ha un suo stemma, croce bianca su fondo rosso, ma che verrà sostituito da quello attuale, donato dal marchese di Monferrato con castello a Occimiano, su concessione del Barbarossa stesso. Di qui si pensa che la nostra città sia alleata con l'imperatore. Ma non sarà così perché... pecunia non olet. C'è da sottolineare un fatto importante: Barbarossa guarda con attenzione a Milano, alla quale toglie la possibilità di battere moneta e passa questo privilegio a Cremona. Siamo nel 1155. Tre anni più tardi il Barbarossa indice la dieta di Roncaglia con tutti i suoi dignitari e il suo seguito. Presenzia all'evento anche il cardinale Guido da Crema, in rappresentanza del Papa. Sono gli ultimi mesi di pace per la nostra città perché l'anno successivo, nel gennaio del 1159 Barbarossa sosta a Occimiano, in Piemonte, ospite del marchese di Monferrato nel suo castello. Qui vanno a trovarlo i cremonesi che gli propongono di assediare Crema in cambio di 15mila marche d'argento. Federico accetta e manda immediatamente i suoi ambasciatori a Crema con il compito di ordinare alla città di atterrare le mura e riempire il fossato. Siamo al 2 febbraio, festa della Candelora e i cremaschi rispondono picche alle richieste degli ambasciatori, cacciandoli malamente dalla città. Inoltre, per tutta risposta, Crema e Milano assaltano Lodi, fondata proprio da Barbarossa, ma il loro piano fallisce. Quando l'imperatore viene avvertito di questo atto di guerra, dà mano libera ai cremonesi, che marciano sulla nostra città.

E' l'inizio della fine.


(XII puntata)

Crema, 07 febbraio 2022

(Luigi Dossena) L'assedio. Nemmeno cento anni di vita, ma Crema ha già dimostrato carattere e il suo territorio fa da sempre gola a Cremona che cerca in ogni modo di ridurla al suo servizio. Dopo vari tentativi, tutti senza esito, Cremona trova la chiave giusta. Va dal Barbarossa e lo paga 15mila marche d'argento per distruggere Crema. Barbarossa accetta. L'assedio alla nostra città comincia il 2 luglio 1159 con la preparazione dei cremonesi che arrivano col carroccio condotto dal vescovo di Cremona Oberto da Dovera sotto le mura il 7 luglio. Tre giorni dopo arriva lo stesso imperatore Federico I Barbarossa con il suo esercito che si accampa a Porta Serio (a est), oltre il fiume che si poteva passare grazie a un ponte in legno. I cremonesi, invece, si erano accampati tra Porta Ripalta (a sud) e Porta Ombriano (a ovest). Qui c'era anche l'esercito di Corrado, fratello del Barbarossa. Il figlio di Corrado, con i suoi uomini, sono a Porta Pianengo (a nord) e la città è così circondata. In aiuto ai cremaschi arrivano da Milano 400 fanti condotti dal console Manfredo da Dugnano. Pavesi, lodigiani e comaschi si uniscono al Barbarossa. Mentre la battaglia infuria un gruppo di ambasciatori si reca dal papa Adriano IV per chiedere la scomunica di Barbarossa e far porre fine all'assedio, ma l'avanguardia cremasca non arriva in tempo perché il papa muore.

La battaglia infuria, gli assedianti costruiscono una macchina da guerra alta ben 40 metri, mai vista sino allora nelle battaglie in Europa fatta costruire dal cremonese Tinto Muso de Gatta. Barbarossa cerca di colmare il fossato facendo arrivare da Lodi 200 botti di terra, legname e altri 2000 carri di terra. La battaglia infuria e nel mese di dicembre Barbarossa ricorre a un espediente vigliacco: attacca sulla macchina d'assalto gli ostaggi cremaschi: 40 prigionieri che si frappongono, inermi alla difesa di Crema e vengono colpiti dal fuoco amico.

Per avere ragione della tenacia della città, Barbarossa ricorre agli studi di Vitruvio e Vegezio per preparare terribili macchine da guerra. Arriviamo al 6 gennaio 1160, quando un tremendo ariete riesce ad abbattere dodici metri di mura. Ma anche questo non è sufficiente e per far cadere la città serve un traditore. Una notte Marchisio (o Marchese) fugge e si presenta al Barbarossa. Lui è l'ingegnere che ha allestito la difesa e conosce i punti deboli. Si vende al nemico, fa costruire una macchina lunga 24 metri e larga quattro. Con questa macchina e le nuove conoscenze il 21 gennaio parte l'assedio finale. A quel punto i cremaschi mandano due ambasciatori a chiedere la resa, visto che tutto era ormai perduto. Giovanni de Medici e Alboino de Bonate sono ammessi davanti a Enrico il Leone, cugino del Barbarossa, duca di Sassonia. Con lui c'è Pellegrino, il patriarca di Aquileia. Viene stipulata la resa e i due cremaschi, in ginocchio davanti a Barbarossa, chiedono clemenza e pace. Barbarossa le concede. Finisce così il più lungo assedio del medioevo.

Ma quel che succederà dopo è un'altra storia. La prossima.


(XIII puntata)

Crema, 13 febbraio 2022

(Luigi Dossena) Siamo alla resa. Dopo sette mesi di assedio, quello più lungo di tutto il Medioevo, i cremaschi capiscono che non potevano più resistere e si arrendono. E' il 25 gennaio quando due emissari vanno dal Barbarossa per arrendersi. L'imperatore concede due giorni per uscire dalla città, dopo di che entrerà con il suo esercito. Sono 20mila i cremaschi del territorio ancora vivi che prendono le loro famiglie e le poche masserizie che possono portare via ed escono dalla città da Porta Pianengo. Il 27 gennaio alle 21 tocca a Barbarossa entrare, dopo aver issato la bandiera imperiale sul ponte della Crema. I suoi soldati e i cremonesi prima portano via quel che possono e poi danno fuoco alle abitazioni. Saccheggio e fuoco durarono fino al 2 febbraio. I cremaschi vi assistettero da lontano, accampati nelle campagne. Al termine, il Barbarossa lasciò Crema e a cavallo si diresse prima verso Lodi e quindi a Pavia. Da lì, nel mese di marzo l'imperatore dichiarò contumace papa Alessandro III e nominò papa Vittore IV, che ha vincoli di sangue nel cremasco, che però sarà antipapa, visto che non era stato eletto dal conclave. In quella data Barbarossa dichiarò l'impedimento a ricostruire Crema. I Cremonesi si portarono da Barbarossa e concordarono l'acquisto della giurisdizione di Crema per 10mila marche d'argento. Barbarossa consegnerà poi il territorio al cremonese Tinto Muso del Gatta, il costruttore della più grande macchina da guerra mai vista in Europa. Ma più avanti il vincolo con i cremonesi si guasterà irrimediabilmente.

Ma questa è un'altra storia. La prossima


(XIV puntata)

Crema, 18 febbraio 2022

(Luigi Dossena) Sono sette gli ecclesiastici che nel XII secolo fecero una gran parte della storia della Chiesa. Due furono antipapi, voluti dall'imperatore Barbarossa, non riconosciuti dalla Chiesa. Il primo fu il cardinale Ottaviano dei conti di Monticelli che divenne antipapa con il nome di Vittore IV il 7 ottobre 1159 e morì a Lucca il 20 aprile 1164. A lui succedette un altro cremasco, il cardinale Guido da Crema dei conti di Camisano, diventato antipapa con il nome di Pasquale III il 22 aprile 1164 e morto il 20 settembre 1168. Tra gli atti più importanti di Guido da Crema ci fu la canonizzazione di Carlo Magno, voluta fortemente dal Barbarossa, il 25 dicembre 1165.

Altri cinque cremaschi assunsero cariche importantissime nell'ambito della chiesa in questo secolo.

Il primo Adalberto da Gabbiano, diventato nel 1078 vescovo di Siena, nominato da papa Gregorio VII. Adalberto resta vescovo di Siena presumibilmente fino alla morte, sopravvenuta nel 1080.

Ruggero dei conti di Crema, prima vescovo e poi arcivescovo nato tra il 1058. Prima vescovo di Volterra nominato da papa Callisto II. Poco dopo, nel 1123, viene fatto arcivescovo di Pisa, mantenendo anche la diocesi di Volterra. Ruggero muore nel 1132 e viene sepolto nel vecchio duomo di Pisa.

Giovanni da Crema , cardinale originario dei conti di Camisano, nei primi anni del 1100. Giovanni da Crema è di famiglia Gisalbertina. Nacque intorno al 1060 e divenne cardinale nominato da papa Pasquale II. Ebbe uno scambio epistolare anche con S. Bernardo. Mandato dal papa in Inghilterra per risolvere questioni ecclesiastiche ottenne ottimi risultati, ma fu anche piuttosto chiacchierato, visto che, secondo alcuni documenti, un giorno venne scoperto dentro a un bordello. Forse per riportare sulla retta via quelle pecorelle smarrite. Tuttavia la sua grandezza non ne venne minimamente intaccata, tanto che alla sua morte, avvenuta nel 1129, venne sepolto nella basilica romana di S. Crisogono, chiesa che lui stesso fece restaurare e riporare a nuova bellezza.

Ottaviano Monticelli, antipapa con il nome di Vittore IV

Guido da Crema, antipapa con il nome di Pasquale III.

Oberto da Dovara, vescovo di Cremona, sul carroccio nell'assalto alla città di Crema del 1159, fautore della ricostruzione del duomo di Cremona distrutto da un sisma.

Ardizzo da Ripalta Arpina, dei capitani di Rivoltella. Fu cardinale di S. Teodoro.


© Riproduzione riservata



S. Bernardino e la Serenissima

CREMA - 1449, arriva Venezia ...
Leggi tutto l'articolo

Cremaschi brusacristi

CREMA - Il miracolo del crocifisso ...
Leggi tutto l'articolo

Ecco la provincia e la città (XXV puntata)

CREMA - La prima è del 1403, la seconda del 1450 ...
Leggi tutto l'articolo

Venezia alle porte

CREMA - Dalla signoria alla repubblica di S. Ambrogio ...
Leggi tutto l'articolo

Vendette e assassini di palazzo (XXIII puntata)

CREMA - La signoria dei Benzoni ...
Leggi tutto l'articolo

I sette signori di Crema (XXII)

CREMA - La dinastia dei Visconti ...
Leggi tutto l'articolo

Tra ospedali a signori di Crema, nel 1350 (XXI puntata)

CREMA - Arrivano gli ospedali e le rogge ...
Leggi tutto l'articolo

S. Pantaleone, patrono (XX puntata)

CREMA - Le torri d'avvistamento nel cremasco ...
Leggi tutto l'articolo

Storia di lotte e potere

Dai Guelfi ai Ghibellini e viceversa, 50 anni di lotte ...
Leggi tutto l'articolo

Le origini del Duomo (XVIII)

LA STORIA - Dalla lotta di famiglie nasce la cattedrale ...
Leggi tutto l'articolo

Da Buoso da Dovara a... Buoso da Dovara (XVII)

La storia dei due Buoso, uno finisce all'inferno ...
Leggi tutto l'articolo

Romeo e Giulietta e l’origine cremasca (XVI)

CREMA - La famiglia Montecchi è cremasca ...
Leggi tutto l'articolo

I cremaschi ai vertici della Chiesa (XIV)

LA STORIA - Due antipapi cremaschi ...
Leggi tutto l'articolo

La resa al Barbarossa

CREMA - 1160, Crema distrutta ...
Leggi tutto l'articolo

L'assedio del Barbarossa

CREMA - Sette mesi di battaglia ...
Leggi tutto l'articolo

Arriva il Barbarossa

UN PO' DI CREMA - Prima dell'assedio (XI puntata) ...
Leggi tutto l'articolo