Calcio, il Crema ne prende tre

Sconfitta per il Crema nel turno di campionato; vedi tutti i risultati, le classifiche e i prossimi turni di serie C e D cliccando qui

Coronavirus, i dati del 28 settembre

Uno su cinque è positivo, calano i decessi, ma aumentano i pazienti in ospedale e quelli curati a casa; in provincia ancora più di 200 nuovi positivi. Leggi tutti i dati cliccando qui

Capergnanica, lite parroco Mcl

Lite tra il circolo Mcl e il parroco don Andrea, con un debiito da 30mila euro con la Prandelli di Orzinuovi.Leggi cosa sta succedendo a Capergnanica, cliccando qui

Crema, denunciato ladruncolo

Prende merce per 169ì8 euro e non la paga, ma viene fermato dalle guardie dell'Ipercoop, consegnato ai carabinieri e denunciato per furto. Leggi cliccando qui

Capralba, lavori al tetto

Sistemazione del tetto della palestra e impianto fotovoltaico, lavori che saranno eseguiti senza interrompere le attività delle società sportive. Leggi cliccando qui

Pandino, via l'amianto

Partono i lavori per togliere l'amianto dal cimitero e dal magazzino comunale. Leggi quanto si spende cliccando qui

Rivolta d'Adda, cena per ambulanza

Il Rotary di Rivolta d'Adda organizza una serie di cene a tema aperte a tutti con lo scopo di acquistare un'ambulanza. Leggi cliccando qui

Rivolta d'Adda, voto perpetuo

Da disegnatrice meccanica a suora per sempre. Il voto di suor Evelina. Leggi cliccando qui

Rivolta d'Adda, Dj in piazza

Serata di musica con i Dj rivoltani, venerdì in piazza Vittorio Emanuele II. Leggi chi c'è cliccando qui

Crema, contributo a Monsignor Manenti

I Lions hanno portato un contributo al vescovo di Senigallia, il cremasco monsignor Franco Manenti, dopo i danni della bomba d'acqua. Leggi cliccando qui

Volley, Enercom Fimi in finale

Enercom Fimi batte il Don Colleoni e vola in finale nel trofeo Polloni. Leggi cliccando qui

Motori, Perolini a Barcellona

Pietro Perolini corre con la sua auto a Barcellona nel weekend per il Super trofeoEuropa. Leggi cliccando qui

Crema, la città in una mostra, speciale

Undici ragazzi speciali e Crema. Una mostra fotografica descrive emozioni e colori della città. Leggi dove sono esposte e chi sono i fotografi cliccando qui

Crema, mostra virtuale

Opere d'arte e pubblicità, in una mostra virtuale ospitata nel metaverso. Leggi cliccando qui

Crema, esercizione a scuola

Che fare se un aereo precipita sulla scuola? Lo spiega la Protezione civile ai 60 studenti impegnati nei corsi base. Leggi cosa succede sabato prossima cliccando qui

Notaio offre impiego

Cercasi un impiegato o impiegata per un notaio. Leggi l'annuncio cliccando qui

Animali, un aiuto per Maya

Maya ha bisogno di cure per guarire da un tumore e la sua proprietaria ha speso tutto quel che aveva,ì.Adesso chiede un piccolo aiuto per portare a termine le cure. Leggi cliccando qui

Don Natale: "Noi, chiamati a rispondere dei doni del Signore"

Crema News - Era perduto ed è stato ritrovato

Cremasco, 11 settembre 2022

XXIV Domenica ordinaria C  

La Parola: ​Es 32,7-11.13-14  Sal 50 1Tm 1,12-17  Lc 15,1-32:

 

Dal Vangelo secondo Luca Lc 15,1-32

Disse ancora: "Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: 'Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta'. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un Paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel Paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: 'Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati'. Si alzò e tornò da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: 'Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio'. Ma il padre disse ai servi: 'Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato'. E cominciarono a far festa.

Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: 'Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo'. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: 'Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso'. Gli rispose il padre: 'Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio, è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato'".

Parola del Signore.

 

Da poco è ricominciato il campionato di calcio e, come succede da qualche anno, si può seguire comodamente al computer. Purtroppo spesso ci sono difficoltà di connessione e la partita si blocca improvvisamente, magari sul più bello, o addirittura qualche minuto prima della fine, così da non riuscire a sapere come va a finire.

Anche la parabola del Padre misericordioso sembra finire bruscamente, lasciandoci il sospetto che venga interrotta la lettura appena prima di ascoltare il finale, lieto o triste che sia. In effetti Gesù non ci rivela se il figlio rimasto a casa riesce a fare pace col fratello, partecipando alla festa organizzata dal Padre in suo onore. Qualcuno potrebbe obiettare che in realtà il personaggio principale non è il secondo fratello, ma semmai il Figlio prodigo, che dopo aver sperperato tutto, si pente e torna a casa, ma soprattutto il Padre misericordioso, pieno di amore, che perdona tutto, in maniera per noi esagerata, proprio come farebbe Dio nei nostri confronti, mostrandosi attento anche al fratello rimasto a casa e sempre amato. Ma io son convinto che la presenza nella parabola del secondo fratello non sia solo un modo per affermare l’amore di Dio Padre verso tutti i suoi figli senza alcuna distinzione, ma costui diventa nel finale il vero personaggio principale, perché rappresenta tutti noi, la maggioranza dei fedeli cristiani che, pur non essendo perfetti, tuttavia non han lasciato completamente la casa del Padre, anzi, la frequentano normalmente tutte le domeniche e cercano di vivere con semplicità e coerenza la volontà di Dio nella vita quotidiana. Quindi il personaggio principale siamo proprio noi e siamo chiamati a completare la parabola scrivendo il finale che più si avvicina al nostro modo di pensare e agire.

Stiamo attenti però a non cercare subito e soltanto di rispondere riguardo il nostro atteggiamento verso il fratello scapestrato.

Certo il Signore Gesù vuole che ci interroghiamo sulla nostra disponibilità al perdono e alla ricerca della fratellanza sincera con tutti, anche verso chi si è allontanato o ci fa del male o usa malamente i beni del Padre. Ma la domanda fondamentale che ci pone la parabola è quella che riguarda la nostra reale consapevolezza dell’amore del Padre, di quanto egli ci voglia bene e di tutti i doni che abbiamo ricevuto da lui, anche e soprattutto di quelli che riteniamo più scontati e normali e ai quali non ci facciamo più neanche caso. Basta pensare al dono del creato e di tutte le cose belle della natura: noi non siamo chiamati a proteggere il mondo, la natura e gli animali, per un generico amore filantropico attento alle generazioni che verranno, ma proprio perché tutto questo è dono di Dio e noi ne siamo responsabili e a lui dovremo rendere conto dello sperpero che stiamo facendo dei beni naturali. Per non parlare poi dei doni spirituali di cui diventiamo spesso fruitori stanchi e distratti, abituati a metterci in fila a far la comunione senza riflettere a sufficienza su quanto sia costato a Gesù il dono del suo corpo e del suo sangue e quindi senza impegnaci poi a vivere in modo adeguato, rispondendo almeno un poco all’overdose d’amore che Dio ha effuso su di noi. Pensiamoci un attimo e completiamo in modo personale e positivo la parabola, e il Padre sarà solo felice di poterci sempre amare. 


Nella foto, don Natale Grassi Scalvini, autore della riflessione


© Riproduzione riservata



28/09 - CREMA - Il presidente Strada parla ai Lions Leggi l'articolo

27/09 - CREMA - Al Cr Forma la protezione civile dimostra come si agisce Leggi l'articolo

25/09 - CREMASCO - Soccorriamo il fratello indigente Leggi l'articolo

24/09 - CREMA - Il comune ne cerca uno a tempo determinato Leggi l'articolo

22/09 - CREMA - Lettere e visita a casa, ecco come fare Leggi l'articolo

20/09 - CASALE CREMASCO - Lettera di un gruppo di studenti Leggi l'articolo

19/09 - CASALE CREMASCO - Festa per il compleanno dell'azienda Leggi l'articolo

18/09 - CREMASCO - Liberiamoci dal tornaconto personale Leggi l'articolo

17/09 - CREMA - Ripreso il servizio anche nelle fasce pomeridiane Leggi l'articolo

16/09 - CREMA - I vantaggi di avere una powerstation portatile EcoFlow Leggi l'articolo

14/09 - CAPERGNANICA - Lumson aderisce a Race for the cure Leggi l'articolo

13/09 - CREMONA - Bivalente, arrivate 34.200 dosi Leggi l'articolo

09/09 - CAPERGNANICA - Premio Gold Ecovadis Leggi l'articolo

08/09 - CREMA - Nel fine settimana davanti all'Ipercoop Leggi l'articolo

07/09 - CREMA - Mancato accordo con la Pro loco e festa bis Leggi l'articolo

07/09 - CREMA -I biglietti aumentano, ma c'è possibilità diriduzione Leggi l'articolo