Crema, comune e solidarietà

Il comune sostiene l'Unicef nella lotta alla malnutrizione infantile e ha donato 1000 euro. Lasciando una piccola offerta nel box che trovi nei negozi e negli esercizi pubblici aderenti, puoi contribuire a sostenere e a garantire strumenti e alimenti per curare i bambini in stato di malnutrizione.

Pandino, crollato il controsoffitto

Sorpresa stamattina all'apertura dell'asilo Gamondi Calleri: un pezzo di controsoffitto era crollato. La scuola è stata chiusa. Leggi cliccando qui

Spino d'Adda, telecamere nei parchi

Lotta ai vandalismi e il comune spende 98mila euro per installare 18 telecamere che controlleranno la zona. Leggi cliccando qui

Palazzo Pignano, alberi per il Tormo

Oltre cento alberi saranno piantati nel parco del Tormo, per ripopolare una zona dove ce ne sono pochi. Leggi cliccando qui

Castelleone, aspettando S. Lucia

Aspettando S. Lucia bancarelle in piazza e negozi aperti nel Borgo e la santa che si affaccia da un balcone. Leggi cliccando qui

Vailate, lite in maggioranza

Battibecco tra sindaco, capogruppo e consigliera sul bilancio con la conseguenza che il vice sindaco abbandona l'aula. Leggi cliccando qui

Crema, a scuola fa freddo

Troppo freddo in alcuni plessi scolastici e la Zanibelli (FI) lo fa presente in consiglio comunale. Leggi cliccando qui

Crema, comunità energetiche

Incontro per parlare di una comunità energetica da sviluppare nell'area ex Olivetti proposto da Consorzio.it e Reindustria. Leggi cliccando qui

Basket, turno infrasettimanale

Mercoledì turno infrasettimanale per il basket di serie B e la Logiman attende in casa Capo d'Orlando. Leggi cliccando qui

Offanengo, la Coim e il cibo

Nuovi imballaggi per il cibo inventati da Coim durante la pandemia, per andare incontro alle nuove esigenze del mercato. Leggi cliccando qui

Letizia Moratti se ne va sbattendo la porta

Crema News - La Moratti si dimette, reazioni

Regione, 02 novembre 2022

Arrivano, non proprio inattese, le dimissioni di Letizia Moratti da vice presidente e assessore alla Sanità della Lombardia. Ecco le reazioni dei consiglieri regionali cremaschi d'opposizione Matteo Piloni (Pd) e Marco Degli Angeli (M5S).


Matteo Piloni

“Le dimissioni della vicepresidente Moratti certificano quello che da tempo sosteniamo: il centrodestra lombardo non esiste più. E da tempo la Lombardia è senza una guida che si occupi dei problemi dei cittadini. Il centrodestra che da 27 anni amministra la nostra Regione si è trasformato sempre più in un gruppo di potere dannoso, perché supino a interessi esterni all’amministrazione regionale. La durezza delle accuse della Moratti nei confronti di Fontana e della sua Giunta sono verità che denunciamo da tempo. Dalle liste d'attesa al caos dei trasporti, è da tempo che il centrodestra ha smesso di occuparsi dei problemi dei cittadini. E le dimissioni della vicepresidente Moratti sono la sconfessione degli atti che lei stessa ha votato e portato avanti con il presidente Fontana per lungo tempo. Adesso è il tempo di una vera svolta, l’alternativa che questa regione aspetta. E tutte le forze, a partire dal Partito Democratico, che in questi anni hanno fatto opposizione in Regione, hanno il dovere di dare ai cittadini un'amministrazione regionale che rilanci la Lombardia e affronti i tanti problemi dei lombardi”.


Marco Degli Angeli

“Apprendiamo che Letizia Moratti, chiamata dal centro destra per salvare sé stesso dai disastri del duo Fontana-Gallera e dall’incapacità di gestire la pandemia, se ne va sbattendo la porta. La farsa è terminata, che la giunta Fontana ammetta i propri limiti e dimetta. Il presidente Fontana ancora una volta non ha avuto la forza di decidere e ha atteso passivamente l’ennesimo ceffone. Dopo le parole della Vicepresidente Moratti, riteniamo che questa disastrosa esperienza di governo debba volgere al termine. Attendiamo quindi le dimissioni a ruota dello sfiduciato presidente Fontana, alla giuda di una giunta inoperosa e bloccata dalla fuga degli assessori verso il Parlamento. Da sottolineare come il primo vero atto degno di essere ricordato dell’assessore Moratti, da quando si è insediata, sia stato quello di sfiduciare il governo della Lombardia. Il culmine del suo lavoro è stato il comunicato diramato oggi. Un percorso studiato a tavolino verso la propria candidatura, che di fatto ha dimenticato le esigenze dei cittadini lombardi”.


La lettera di dimissioni di Letizia Moratti

"Per rispetto dei cittadini, con senso di responsabilità e in considerazione del delicato momento socio-economico del Paese, ho atteso l’esito delle elezioni politiche e la formazione del nuovo Governo per rendere nota la mia posizione. Per questi motivi, e solo oggi, di fronte al venir meno del rapporto di fiducia con il presidente Attilio Fontana, annuncio la decisione di rimettere le deleghe di vicepresidente e di assessore al Welfare di Regione Lombardia. E' un forte segnale rispetto alle lentezze e alle difficoltà nell’azione di questa amministrazione, che a mio avviso non risponde più all’interesse dei cittadini lombardi. Una scelta di chiarezza di cui mi faccio pienamente carico, anche in considerazione dei provvedimenti contraddittori assunti in materia di lotta alla pandemia. Da una parte prendo positivamente atto che la linea da me stabilita per i cittadini lombardi è stata quella di seguire il parere degli esperti della Cabina di Regia lombarda che ho attivato sull’obbligo delle mascherine in ospedali e Rsa. Dall’altra, registro con preoccupazione la scelta di anticipare il reintegro dei medici e degli altri professionisti della sanità non vaccinati, il condono sulle multe ai no vax e la diversa sensibilità sull’importanza dei vaccini. Si tratta di tre esempi, emblematici di una diversa impostazione politica in questo ambito". 


Nella foto, Letizia Moratti


© Riproduzione riservata



06/12 - CREMA - Temperature da brivido in alcune scuole Leggi l'articolo

06/12 - CREMA - Incontro di Consorzio.it e Reindustria per presentare la proposta Leggi l'articolo

04/12 - CREMA - Magazzino farmaceutico: un anno per tornare al punto di partenza Leggi l'articolo

04/12 - CREMA - Servizi sociali da tempo senza responsabile Leggi l'articolo

03/12 - CREMA - Il dubbio: perdere il finanziamento o incrementarlo Leggi l'articolo

02/12 - CREMA - I numeri che preoccupano l'Ats Valpadana Leggi l'articolo

02/12 - CREMA - Ritardi e mancanze della maggioranza Leggi l'articolo

30/11 - CREMA - Niente mozioni per la pace Leggi l'articolo

29/11 - CREMA - Niente lavori, si ricomincia Leggi l'articolo

25/11 - REGIONE - Contributo per affrontare il caro energia Leggi l'articolo

24/11 - PROVINCIA - Il sindaco di Pianengo rientra in consiglio provinciale Leggi l'articolo

24/11 - REGIONE - Con le nuove regole, a rischio l'assegno per 104mila persone Leggi l'articolo

22/11 - REGIONE - In bilancio 1.6 milioni di euro in più Leggi l'articolo

22/11 - REGIONE - Riforma elettorale penalizza le opposizioni Leggi l'articolo

18/11 - REGIONE - Quella degli insediamenti di logistica in Lombardia Leggi l'articolo

15/11 - CREMA - Fin qui servizio a pagamento e poco utilizzato Leggi l'articolo