De Grazia (FdI): "Unità del cremasco non realizzata"

Crema News - Il vaso di Grassi

Crema, 12 febbraio 2020


A proposito della riunione dei sindaci e del fatto di contare di più come territorio, ecco la lettera di Giovanni de Grazia, coordinatore di Fratelli d'Italia


"Indubbiamente l'incontro organizzato a Crema dal sindaco Grassi sul futuro del nostro territorio ha scoperchiato il vaso di Pandora su tutte le criticità presenti .Grassi ha usato la parola Crema Fighetta, ma forse il termine più appropriato è Crema Matrigna in quanto Crema ha ritenuto sempre di poter rappresentare l'intero territorio a scapito delle altre realtà presenti, cioè i piccoli comuni i cui amministratori, molto spesso, devono affrontare quotidianamente enormi difficoltà, sia a livello economico che a livello di gestionale.

Come è stato detto da più parti, l'unità del Cremasco, non è ancora realizzata, anzi è ben lontana dal raggiungersi.Bisogna partire da questo dato concreto e dire, senza ipocrisie, che la responsabilità maggiore è sicuramente di Crema e dei suoi amministratori. Crema, proprio per le sue dimensioni e le sue caratteristiche, dovrebbe, anzi, deve avere una visione complessiva del territorio e di come svilupparlo in maniera complessiva.Invece avviene l'esatto contrario e gli esempi si sprecano. Sulla questione SCRP è meglio calare un velo pietoso, anche se la responsabilità di tutta la vicenda ha nomi e cognomi ben precisi, e ci chiediamo perché ad oggi non sono state ancora liquidate le somme di spettanza degli amministratori che avevano deciso di uscire dalla stessa SCRP! Già da tempo si era detto, e noi eravamo fra questi, che la situazione del cremasco ha (poche) luci e (molte) ombre: mancanza di infrastrutture degne di questo nome, chiusura del Tribunale, perdita dell'Università e cosa ha fatto la politica per risolvere ma almeno affrontare alcuni di questi problemi? Aspettiamo fiduciosi una risposta per il futuro del nostro territorio, sperando di essere smentiti.

Quali sono gli obbiettivi di Area Omogenea e del suo presidente Casorati, in che modo Reindustria può aiutare il nostro territorio a svilupparsi in modo omogeneo e soprattutto sostenibile? Speriamo di sbagliarci ma non siamo particolarmente ottimisti e fiduciosi sul futuro del Cremasco, anche perché se cambia la trama del film ma  gli attori rimangono gli stessi, difficilmente potremo "vedere" un capolavoro. Il Cremasco, ma in primis Crema, non sta scegliendo e così facendo stiamo correndo il rischio di diventare sempre più marginali e di subire scelte di altre realtà territoriali".

 

Giovanni De Grazia (coordinatore circolo FdI Crema)


© Riproduzione riservata

Battaglia sul ponte

CREMA - Guerra di comunicati ...
Leggi tutto l'articolo

Ponte, non c'è stata programmazione

CREMA - Valutare bene il da farsi ...
Leggi tutto l'articolo

Disabili, più fondi, ma non basta

REGIONE - Piloni e Degli Angeli protestano ...
Leggi tutto l'articolo

Aler chiude sportello, Soncino lo apre

CREMASCO - Sportello Aler chiuso, proteste ...
Leggi tutto l'articolo

Galeotto fu lo spot

CREMA - Trenord ingaggia Pozzetto ...
Leggi tutto l'articolo

Pedretti scende in campo

SONCINO - Candidato sindaco contro Gallina ...
Leggi tutto l'articolo

Non chiudete quell'ufficio

CREMA - Proteste degli inquilini Aler ...
Leggi tutto l'articolo

Blockchain, si fa

REGIONE - Passa la proposta dei grillini ...
Leggi tutto l'articolo

Cooperative: contratti illegali

CREMA - Grande nord accusa ...
Leggi tutto l'articolo

Bagni da incubo

CREMA - Nei giardini dell'ex nosocomio ...
Leggi tutto l'articolo

I sindaci si parlano

CREMA - Idea del primo cittadino di Casale ...
Leggi tutto l'articolo

Mercato da spostare

CREMA - Ci sono 1600 metriquadri di amianto ...
Leggi tutto l'articolo