Benedizione degli animali domestici

Crema, 16 gennaio 2020

Il 17 gennaio è il giorno di S. Antonio abate e, tradizionalmente, della benedizione degli animali. questo rito, anche dalle nostre parti, è molto sentito. Dapprima c'era la benedizione degli animali della fattoria e i preti passavano di cascina in cascina (anche di questi si fa, per esempio, don Lorenzo oggi passa nelle fattorie della parrocchia, ma anche altri parroci lo fanno). Poi si è cominciato a portare gli animali di casa a far benedire in questa giornata. Domani sono in programma messe propiziatorie e benedizioni un po' dappertutto. Noi segnaliamo quella nella chiesa di S. Antonio abate, in via XX Settembre, alle 15 e quella su sagrato della parrocchiale di S. Bernardino, alle 17.

In Italia esiste una vera e propria venerazione per Sant’Antonio Abate (da non confondere con Antonio patrono di Padova): basta passare in rassegna le decine di eventi organizzati in suo onore il 17 gennaio, data della sua morte, dalla Lombardia fino alla Sicilia. Eppure leggendo qualche cenno della sua biografia si scopre che il santo non ha alcun legame con il nostro Paese: Antonio fu un eremita egiziano, vissuto nel IV secolo dopo Cristo, cui si deve l’inizio del cosiddetto “monachesimo cristiano”, ovvero della scelta di passare la vita in solitudine per ricercare una comunione più intensa con Dio. Evidentemente bastò questo “primato” per diffondere il culto in tutta Europa, cui si aggiunsero, nel tempo, molti tratti popolari.

Fin da epoca medievale, Sant’Antonio viene infatti invocato in Occidente come patrono dei macellai, dei contadini e degli allevatori e come protettore degli animali domestici; questo, forse, perché dal maiale gli antoniani (i seguaci di Antonio) ricavavano il grasso per preparare emollienti da spalmare sulle piaghe. Antonio, dice la tradizione, era anche un taumaturgo capace di guarire le malattie più tremende. E poi, c’è la credenza popolare che vuole che il Santo aiuti a trovare le cose perdute. Al nord si dice "Sant'Antoni dala barba bianca fam trua quel che ma manca” e al sud - dove viene spesso chiamato Sant’Antuono, per distinguerlo da Antonio da Padova - "Sant'Antonio di velluto, fammi ritrovare quel che ho perduto”.


Nella foto, la benedizione degli animali a S. Bernardino, lo scorso anno


© Riproduzione riservata

Salviamo le api

REGIONE - Il 25% sono scomparse ...
Leggi tutto l'articolo

Cane in caserma

RIVOLTA D'ADDA - Trova cane, lo porta dai carabinieri ...
Leggi tutto l'articolo

Un siluro sul Serio

CREMA - Parte la caccia all'invasore ...
Leggi tutto l'articolo

Trascina un cane, fermata dai passanti

CREMA - Sarà denunciata ...
Leggi tutto l'articolo

Preso a calci da una mucca

VILLACAMPAGNA - Agricoltore in ospedale ...
Leggi tutto l'articolo

Mangiar da cani

MILANO - E arrivano i piatti per i quattro zampe ...
Leggi tutto l'articolo

Guarda chi c'è

CREMA - Un ibis eremita sul davanzale ...
Leggi tutto l'articolo

Cercasi mamma gatta

CREMA - Due cuccioli abbandonati hanno fame ...
Leggi tutto l'articolo

Perso Baghera

CREMA - Non torna dal 26 maggio ...
Leggi tutto l'articolo

Perso gatto

CREMA - Abita a San Bernardino ...
Leggi tutto l'articolo

Ritorno alla normalità

CREMA - Come comportarsi con i propri animali ...
Leggi tutto l'articolo

Tartaruga nella fontana

CASTELLEONE - Apparsa in questi giorni ...
Leggi tutto l'articolo

Due gattini nel motore

CASTELLEONE - Salvati dai vigili del fuoco ...
Leggi tutto l'articolo

Allarme: esche avvelenate

TRESCORE - Trovate in campagna ...
Leggi tutto l'articolo

Tartaruga investita

CREMONA - Salvata dai carabinieri ...
Leggi tutto l'articolo

Non usate candeggina sulle zampe dei cani

CREMA - Animali e decreto: un po' di confusione ...
Leggi tutto l'articolo