Karate padre e figlio

Casaletto Vaprio, 27 giugno 2018

“Chi vince? Adesso lui. Ma non è da molto che succede”. Enio Patrini, ex sindaco di Casaletto, sorride e scherza alla domanda su chi, fra lui o suo figlio Lorenzo, 24 anni, laureando in ingegneria, sia più forte nel karate, sport che entrambi praticano da tempo. Di sicuro Patrini senior e Patrini junior sono appaiati come colore e ranking della rispettive cinture in quanto recentemente hanno sostenuto assieme l’esame di cintura nera secondo Dan. Capita che padre e figlio condividano la stessa passione per una disciplina meno che sostengano un esame assieme, com’è avvenuto domenica 17 giugno presso la palestra Toffetti di Crema. “È stato un bel momento, piuttosto emozionante –spiega Enio- perché non capita tutti i giorni di sostenere un esame, anche se sportivo, assieme al proprio figlio, al quale oltretutto hai trasmesso questa grande passione”. Sessantuno anni, bancario, Enio Patrini pratica il karate dal 1982 presso il Taichikase Karate di Pianengo, dov’è iscritto anche Lorenzo e non ha mai smesso nemmeno quando gli impegni da sindaco gli lasciavano poco tempo libero. “Lorenzo –continua Enio- ha cominciato a fare karate all’età di 11 anni. Lui pratica anche l’agonismo, io invece non gareggio più. Entrambi abbiamo conseguito la cintura nera secondo Dan. Fra due anni spero possiamo essere ancora insieme all’esame per passare al livello superiore”.

Nella foto, Lorenzo e Enio Patrini

© Riproduzione riservata

Share on Facebook