Il 31 ottobre si decide per l'autonomia dello Stanga

Cremasco, 05 ottobre 2018

Scuola, la provincia che fa?

"Avvicinandosi il 31 ottobre, cioè la data in cui il Consiglio Provinciale si dovrà esprimere sull'assetto degli istituti scolastici di 2° grado, il M5S Cremasco intende ribadire il concetto già espresso nell'ultimo comunicato stampa del 10 settembre: l’autonomia dell’Istituto Agrario Stanga è un requisito indispensabile per valorizzare il territorio cremasco".

Le premesse sono finalmente interessanti.

"Il Comitato Provinciale di Indirizzo Scolastico, organo consultivo e non deliberante, si è da poco riunito e dopo discussione tra i vari attori interessati, i sindaci del cremasco si sono trovati concordi per portare nell’ambito cremasco tutte le scuole cremasche. L’ampiamento dell’offerta formativa cremasca, con evidenti positivi risvolti professionali, sociali ed economici su tutto il territorio, si otterrà distaccando dalla sede centrale di Cremona le sedi di Crema e casearia di Pandino dell'istituto Stanga. Verranno così poi inserite nell'offerta formativa dello Sraffa per creare un nuovo polo agro-alimentare e delle professioni".

Qual è il prossimo passo?

"A fine ottobre, quanto emerso da questa riunione del comitato dovrà poi passare al vaglio del consiglio provinciale, vero organo deliberante. Pertanto, il M5S cremasco chiede che la volontà dei sindaci del cremasco, politicamente trasversale, rimanga immutata e soprattutto tenuta in considerazione in quella sede! Sarebbe inaccettabile che il presidente Viola e i consiglieri provinciali cremonesi si opponessero a questa scelta intelligente, l'unica che possa avere un senso all'interno di un piano organico ampio di un riassetto scolastico provinciale. Il territorio cremasco deve essere tutelato e valorizzato, smettendo di essere una succursale di Cremona: chi è tenuto a decidere lo tenga ben presente, altrimenti si dovrà assumere le responsabilità politiche di una scelta scellerata!".

Nella foto, una riunione del consiglio provinciale

© Riproduzione riservata

Share on Facebook