Vigile litiga con un papà davanti a scuola: lui lo investe

Crema, 08 novembre 2018

Lunedì mattina, ore 8.30, scuola elementare di S. Pietro. Solito caos di auto che arrivano, parcheggiano dove capita, mollano i figli davanti al portone della scuola e se ne vanno. Solito caos e solito vigile che cerca di controllare che non succeda nulla di spiacevole. Che stavolta succede. Arriva un'auto e si piazza sulle strisce pedonali: troppo anche per chi vuole chiudere un occhio. Dall'auto scendono un papà e un bambino. Il piccolo viene indirizzato verso il portone, il padre sta per tornare in auto, quando il vigile, 57 anni, in attesa di andare in pensione dopo anni di onorato servizio per la fine dell'anno, fa presente all'uomo, un professionista quarantenne, che l'auto sulle strisce pedonali proprio non va. E il professionista, anziché scusarsi, dire che non lo farà più, addebitare la colpa alla fretta e andarsene, si mete a discutere. L'alterco diventa violento, con il vigile che eleva una multa e con il padre che lo insulta ("Lei non sa chi sono io, ho una laurea alla Bocconi, non come lei che è un pezzente"). Poi succede anche di peggio: l'uomo sale in auto e cerca di partire, urtando il vigile e ferendolo a una gamba. Arriva una seconda pattuglia che chiama un'ambulanza per il collega ferito e porta al comando il padre maleducato, insolente e investitore. Lì l'uomo viene denunciato per resistenza, oltraggio e lesioni. La prognosi del vigile ferito è di cinque giorni; per l'investitore ci vorrà un po' di più.

© Riproduzione riservata

Share on Facebook