Seconda parte della stagione di Stelline, con dieci commedie

Crema, 05 gennaio 2019

Torna la rassegna teatrale Stelline, nel teatro di S. Bernardino fuori le mure. Dopo le otto commedie della prima parte, sabato prossimo si riprende. Dieci le rappresentazioni in programma, sempre il sabato sera alle 21, con una undicesima ancora in forse, prevista per maggio. Si parte sabato prossimo con la compagnia degli Schizzaidee di Bolzone. Il sodalizio compie vent'anni di attività e ha pensato di proporre al pubblico di Stelline la loro prima commedia Tai e ritai, in dialetto cremasco. Le prenotazioni sono già aperte (chiamare il 392 4414647) e la scelta della compagnia cremasca sarà di certo gradita dal pubblico. Segue, il 19, la compagnia Le muse dell'onorico di Manerbio che presentano una commedia non sense divertentissima, Ubu re, di Alfred Jarry, recitata in italiano. Si sospende per quattro settimane per dare modo di organizzare il concerto di Magicamusica all'auditorium Manenti in S. Bernardino, stavolta intra moenia (prenotazioni già aperte chiamando sempre al 392 4414647) e a febbraio altri due appuntamenti. Il primo, in programma il 16, vedrà la compagnia del Teatro instabile di Vailate proporre La vera storia dei Mille, loro commedia d'esordio, cinque anni fa, ma riveduta, tagliata e corretta. Una parte sarà recitata in dialetto. Il sabato successivo, il 23, arriva la compagnia cremonese Senti chi parla. Il trio di attori propone, in italiano Il magico elisir, loro ultimo lavoro.

A marzo gli appuntamenti saranno tre. Parte la compagnia El turass di Castelleone il 9 marzo che recita un dialogo in italiano tra due persone, Affari... di famiglia, di Amurri. Segue il 16 la compagnia lodigiana Lavori in corso con Anacleto, amico particolare e chiudono il mese il 23 gli attori di Casaletto Vaprio del Fildefer, con un lavoro in dialetto.

Ad aprile ancora tre appuntamenti. Prima la Carabela di Spino d'Adda, con Le avventure della Rosa, Carlin e 'l filipin, in dialetto, sabato 6. Il 13 c'è la Bottega delle donne, con illoro nuovo lavoro, in dialetto e la chiusura sarà il 27 con i cremonesi di Gerre de' Caprioli con una commedia dialettale. Alcuni titoli mancano perché ancora da definire.

Infine, se ci sarà spazio, a maggio dovrebbero arrivare i Matt'attori di Caty di Lodi. ma per maggio c'è ancora tempo.

Nelle foto, Gli Schizzaidee, Le Muse dell'onirico, i Senti chi parla, i Fildefer e la Carabela di Spino d'Adda

© Riproduzione riservata

Share on Facebook