Dopo Cornalba e Grazzini se ne va anche Rossi

Spino d'Adda, 07 luglio 2017

Che succede a Spino d'Adda? A un anno dalla sua elezione, il sindaco Luigi Poli non ha praticamente mai goduto di un po' di serenità. Ha sempre navigato in un mare tempestoso e a marzo ha rischiato di dover lasciare il posto al commissario prefettizio, in quanto il bilancio era stato bocciato. Recuperata la situazione in qualche modo, l'amministrazione è andata incontro ad altre burrasche e nell'ultimo mese si sono dimessi prima Carlo Cornalba e poi Antonia Grazzani. Questa settimana, un po' alla chetichella, si è dimessa Florinda Rossi. Al suo posto resta solo il vice sindaco Enzo Galbiati, che attende i tre nuovi assessori.

Punta il dito su una situazione del tutto anomala l'opposizione di Progetto per Spino: "La composizione della giunta è illegittima e lo segnaleremo a chi di dovere: manca infatti un esponente di sesso femminile, come prescritto dalla legge. Il sindaco ha messo in giunta persone tanto amate dagli Spinesi da non aver ricevuto neppure un numero sufficiente di voti per entrare in consiglio (sono i sostituti di chi si è dimesso perché in rotta con Poli), e ora dovrà nominare un assessore esterno (non votato dalle persone di Spino) perché non ha più nessuno da mettere in giunta".

I primi due assessori sono stati sostituiti da Eleonora Ferrari che assume le deleghe dei Servizi sociali e Gianmario Rancati, con le deleghe della Cultura, scuola, sport, tempo libero e commercio.

Nella foto, il nuovo assessore Eleonora Ferrari

© Riproduzione riservata

Share on Facebook