Don Emilio è malato, ma esce dall'ospedale per celebrare un matrimonio

Crema, 14 maggio 2018

Don Emilio, parroco del Duomo, è malato. Ha una brutta polmonite che lo costringe da una decina di giorni in ospedale. Ma don Emilio ha un impegno importante e non vuol deludere le aspettative: deve celebrare un matrimonio. Purtroppo la malattia non è di quelle che si possono prendere alla leggera, anche considerando che il parroco del Duomo è di ritorno da Israele, dove ha accompagnato dei pellegrini cremaschi per una decina di giorni ed è visibilmente provato. Ma c'è il matrimonio e i due sposi si erano da tempo raccomandati perché fosse lui a suggellare la loro unione. Così, don Emilio chiama il primario e gli spiega la situazione: non può farsi sostituire né è possibile rinviare la celebrazione del matrimonio, visto quel che comporterebbe. E allora il parroco chiede al dottore una deroga: uscirà dall'ospedale il tempo necessario per la celebrazione del sacramento. Il medico tentenna ma poi acconsente pare però a patto che lui assista alla cerimonia, pronto a intervenire in caso di bisogno. E così è stato. Sabato alle 16 in Duomo don Emilio era là a unire davanti al Signore l'amore dei due giovani, sotto l'occhio attento di Dio, ma anche quello, più terreno, del medico che quando la cerimonia è terminata si è preso il parroco e lo ha riportato nel suo reparto, tirando un sospiro di sollievo e aggiungendo una preghiera perché era andato tutto bene.

Nella foto, don Emilio Lingiardi sul pulpito del Duomo

© Riproduzione riservata

Share on Facebook