Barbati stravince, Molaschi sorpassa, Severgnini ce la fa, Castel Gabbiano dice no

Cremasco, 11 giugno 2018

Due conferme, una sorpresa, uno schiaffo. Questi i risultati delle elezioni a Capergnanica, Trescore, Vaiano e Castel Gabbiano.

La sorpresa arriva da Vaiano Cremasco, che torna in mano a una lista di centro sinistra dopo la parentesi di Calzi. Paolo Molaschi è il nuovo sindaco. Ha ottenuto 999 voti, il 49.6% contro le 825 preferenze di Davide Calzi, figlio del sindaco defunto, sul quale era caduta la scelta della lista di centro destra. Sono 190 le preferenze che ha portato a casa Andrea Ladina che non ce la fa a entrare in consiglio.

A Trescore Cremasco rconferma di Angelo Barbati, che ottiene 755 preferenze, il 54.94%, più della volta scorsa e sono sette consiglieri. Fermo a 474 Giancarlo Ogliari, che avrà solo tre consiglieri, mentre Daniela Provana ottiene 145 preferenze e non entra in consiglio. Barbati: " Emozionato per il grande risultato. Sono Contento che i cittadini abbiano votato per il buon senso. Il lavoro paga sempre e da domani si continua: ciclabile per quintano. Tribune centro sportivo, messa in sicurezza SP35". Daniela Provana: "Mi spiace per Trescore, che ha perso un'occasione ma la volontà della gente va rispettata" e Giancarlo Ogliari: ""Ci inchiniamo al volere della gente. Il risultato è evidente. Non c'è nulla da commentare".

A Capergnanica passa Alex Severgnini prende 927 voti e si riconferma. Al voto sono andati il 57.7% dei cittadini e gli hanno dato il via per altri cinque anni.

Flop clamoroso a Castel Gabbiano, dove solo 83 persone sono andate a votare per Sonzogni, neppure il 30%.

Nelle foto, i sindaci Barbati, Severgnini e Molaschi

© Riproduzione riservata

Share on Facebook